In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

BERNA

Circa 700 persone hanno partecipato alla manifestazione sulla Piazza federale contro i campi di Libia e Grecia - Critiche anche alle strutture svizzere - LE FOTO

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi
© KEYSTONE/Peter Schneider

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

© KEYSTONE/Peter Schneider

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

In centinaia denunciano le condizioni nei centri per profughi

Circa 700 persone - 2.000 secondo gli organizzatori - si sono radunate sabato a Berna sulla Piazza federale per denunciare le pessime condizioni dei campi per migranti in Libia e in Grecia. Critiche sono state formulate anche ai campi federali e cantonali in Svizzera.

Alla manifestazione, organizzata dal Migrant Solidarity Network - associazione con sede a Berna - hanno partecipato simpatizzanti nonché migranti e rifugiati provenienti da vari Cantoni, Ticino compreso.

Per quanto riguarda la Libia, nei campi che accolgono migranti e rifugiati si pratica la tortura, omicidio compreso, secondo una nota odierna dell’organizzazione. I centri di raccolta in Grecia, i cosiddetti Hotspot, sono invece sovraffollati, per non parlare delle difficili condizioni di vita nei centri di transito in Marocco o Turchia.

I campi federali assomigliano invece a della prigioni: le persone ivi confluite sono isolate dal resto della popolazione, senza intimità e sottoposte a sorveglianza continua. L’associazione denuncia in particolare le condizioni delle donne. I campi sono infatti concepiti soprattutto per le esigenze degli uomini.

Nella sua lista di rivendicazioni, il Migrant Solidarity Network chiede che i campi vengano organizzati al fine di preservare la dignità delle persone; quest’ultime dovrebbero godere della libertà di recarsi dove vogliono e di stabilirsi nei luoghi da loro scelti, avendo accesso all’alloggio, al lavoro, all’educazione e alla sanità.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1