In sovrappeso oltre il 17% degli alunni svizzeri

Salute

Lo dice uno studio di Promozione Salute Svizzera condotto su 29.000 alunni di nove cantoni, fra cui i Grigioni, e quattro città

In sovrappeso oltre il 17% degli alunni svizzeri
© CdT/Archivio

In sovrappeso oltre il 17% degli alunni svizzeri

© CdT/Archivio

Il 17,2% dei bambini e adolescenti in Svizzera è in sovrappeso, stando a uno studio di Promozione Salute Svizzera condotto su 29’000 alunni di nove cantoni, fra cui i Grigioni, e quattro città. La percentuale è lievemente calata negli ultimi 10 anni .

I risultati mostrano che il 4% della popolazione scolastica presa in considerazione è obeso e il 13,2% è in sovrappeso. Il dato globale è inferiore di 1,3 punti percentuali rispetto al risultato emerso nella prima misurazione del 2010 (18,5%), mentre rispetto al 2017 (16,4%) vi è un leggero aumento.

Non si osservano differenze significative tra maschi e femmine, ma i problemi di peso risultano aumentare con l’età. A livello di scuola elementare la situazione è migliorata negli ultimi anni, mentre nel secondario I la percentuale di giovanissimi in sovrappeso rimane elevata. Nei primi anni del grado primario (scuola dell’infanzia e 1° anno di scuola elementare, livelli Harmos 1-3) risulta essere in sovrappeso o obeso il 12,4% degli alunni, al livello elementare (dal 3° al 5° anno, livelli Harmos 5-7) la percentuale sale al 17,4% e al livello secondario (8° e 9° anno, livelli Harmos 10 e 11) arriva al 21,4%.

La nazionalità e l’estrazione sociale hanno un impatto evidente: quasi un bambino di origini straniere su quattro (24,3%) è in sovrappeso o obeso, mentre tra gli svizzeri la proporzione è di uno su sette (14,1%). I figli di persone senza formazione scolastica post-obbligatoria inoltre sono più spesso è in sovrappeso (29,9%) rispetto a quelli di famiglie con formazione di livello secondario II (19,3%) o livello terziario (9,2%).

In generale nelle aree urbane (18,6%) la percentuale di alunni troppo in carne è leggermente più alta rispetto alle aree rurali (16,4%). Questa differenza è rilevante al livello elementare e secondario, ma non nella scuola dell’infanzia, e si è comunque ridotta negli ultimi 10 anni.

All’indagine di Promozione Salute Svizzera hanno partecipato i cantoni Argovia, Basilea Città, Ginevra, Grigioni, Giura, Lucerna, Obvaldo, San Gallo, Uri e le città di Berna, Friburgo, Winterthur, Zurigo mettendo a disposizione i dati raccolti negli anni scolastici dal 2017/18 al 2019/20.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    CCL Shop, pressing a Berna

    politica

    Per il Parlamento, il Consiglio di Stato deve far pressioni affinché Berna revochi la decisione di escludere il Ticino dall’obbligatorietà generale del salario minimo previsto dal contratto collettivo di lavoro nazionale

  • 2
  • 3

    San Gallo, attacco hacker a città e cantone

    Pirateria informatica

    Gli esperti della società di hosting sono riusciti a intervenire e a mettere a punto un sistema per riconoscere allo stadio precoce qualsiasi nuovo tentativo di intrusione

  • 4

    Agenti ticinesi al WEF, non si cambia

    politica

    Il Gran Consiglio ha respinto una mozione dell’MPS che chiedeva di non inviare più le forze dell’ordine al Forum economico e ad altri eventi simili

  • 5
  • 1
  • 1