In Svizzera 488 nuovi casi e 3 decessi

pandemia

I contagi confermati nel Paese sono 49.283, le morti totali salgono a 1.765

In Svizzera 488 nuovi casi e 3 decessi
© CdT/Gabriele Putzu

In Svizzera 488 nuovi casi e 3 decessi

© CdT/Gabriele Putzu

In Svizzera 488 nuovi casi e 3 decessi
© Shutterstock

In Svizzera 488 nuovi casi e 3 decessi

© Shutterstock

In Svizzera 488 nuovi casi e 3 decessi
© KEYSTONE/Laurent Gillieron

In Svizzera 488 nuovi casi e 3 decessi

© KEYSTONE/Laurent Gillieron

Tutti gli aggiornamenti sull’emergenza coronavirus in Svizzera (qui la mappa e i grafici dal primo caso in Ticino ad oggi). Qui tutti i dati sull’epidemia nella Confederazione fino al 21 agosto.

Venerdì 18 settembre

Sono 488 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore in Svizzera e nel Liechtenstein (49’283 in totale). Secondo il bollettino quotidiano dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), almeno 1765 persone sono morte dall’inizio dell’epidemia, 3 in più rispetto a ieri. Ieri i contagi annunciati erano stati 530, il giorno prima 514. L’incidenza della malattia ha raggiunto i 574,2 casi ogni 100.000 abitanti. I nuovi ricoveri sono stati 15, il che porta le ospedalizzazioni a 4.742. I test effettuati tra ieri e oggi sono stati 13.993 per un totale di 1.251.614. Il tasso dei tamponi positivi si attesta al 4,6%. Le persone in isolamento sono 2.048: altre 5.598 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno stato nel quale si trovano anche 7.571 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio.

In Ticino nelle ultime 24 ore sono stati registrati quattro nuovi contagi per un totale di 3.608. I decessi restano invece fermi a 350. Nei Grigioni, i contagi complessivi dall’inizio della pandemia sono 1056 (+1), mentre le persone morte a causa dell’epidemia sono sempre 50.

Giovedì 17 settembre

Sono 530 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore in Svizzera e nel Liechtenstein (48.795 in totale). Secondo il bollettino quotidiano dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), almeno 1.762 persone sono morte dall’inizio dell’epidemia, 7 in più rispetto a ieri. Ieri i contagi annunciati erano stati 514 (con 17.861 test effettuati), martedì 315 (con 10.817 test) e lunedì 257 (con 6.356 test).

L’incidenza della malattia ha raggiunto i 568,5 casi ogni 100.000 abitanti. I nuovi ricoveri sono stati 18, il che porta le ospedalizzazioni a 4.727. I test effettuati tra ieri e oggi sono stati 15.763 per un totale di 1.237.621. Il tasso dei tamponi positivi si attesta al 4,7%.

Le persone in isolamento sono 2258: altre 6.455 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno stato nel quale si trovano anche 8.097 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio.

In Ticino nelle ultime 24 ore sono stati registrati otto nuovi contagi per un totale di 3.604. I decessi restano invece fermi a 350. Nei Grigioni, i contagi complessivi dall’inizio della pandemia sono 1.055 (+2), mentre le persone morte a causa dell’epidemia sono sempre 50.

Mercoledì 16 settembre

(Aggiornato alle 12.39) - Sono 514 le nuove infezioni da Covid-19 confermate in Svizzera e nel Liechtenstein nelle ultime 24 ore (48’265 in totale). Secondo il bollettino quotidiano dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), almeno 1755 persone sono morte dall’inizio dell’epidemia, 7 in più rispetto a ieri. Ieri i contagi annunciati erano stati 315 (con 10’817 test effettuati), lunedì 257 (con 6356 test) e domenica 475 (con 13’026 test). L’incidenza della malattia ha raggiunto i 562,3 casi ogni 100’000 abitanti. I nuovi ricoveri sono stati 18, il che porta le ospedalizzazioni a 4709. I test effettuati tra ieri e oggi sono stati 17’861 per un totale di 1’221’858. Il tasso dei tamponi positivi si attesta al 4,7%. Le persone in isolamento sono 2034: altre 5737 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno stato nel quale si trovano anche 7075 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio. In Ticino nelle ultime 24 ore sono stati registrati sei nuovi contagi per un totale di 3596. I decessi restano invece fermi a 350. Nei Grigioni, i contagi complessivi dall’inizio della pandemia sono 1053 (+1), mentre le persone morte a causa dell’epidemia sono sempre 50.

Martedì 15 settembre

(Aggiornato alle 14.15) - Sono 315 i nuovi casi di Covid-19 registrati in Svizzera e nel Liechtenstein nelle ultime 24 ore. Lo indica il bollettino giornaliero dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Ieri erano 257, domenica 475 e sabato 465. Si registra un decesso e 18 nuove ospedalizzazioni. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 10’817 test. Il tasso di positività odierno è del 2,9%, ieri era del 4,04%. Dall’inizio della pandemia, il numero totale dei morti è salito a 1748, mentre il numero delle persone ricoverate in ospedale è di 4691. Complessivamente sono stati confermati in laboratorio 47’751 casi di Covid-19 su 1’203’997 analisi effettuate in Svizzera e nel Liechtenstein.

In Svizzera ci sono 1926 persone in isolamento e altre 5491 che hanno avuto contatti con loro sono state poste in quarantena. Altre 5353 persone, di ritorno da un paese a rischio, sono anch’esse in quarantena. La Svizzera si sta avvicinando ai criteri imposti dalla Confederazione per i Paesi a rischio, in provenienza dai quali è obbligatoria una quarantena: 60 nuovi casi ogni 100’000 abitanti negli ultimi 14 giorni. Secondo un calcolo dell’agenzia Keystone-ATS, basato su informazioni dell’Ufficio federale di statistica (UST) e dell’UFSP, il dato odierno è di 59,25, appena al di sotto quindi del limite dei 60 casi.

Lunedì 14 settembre

Sono 257 i nuovi casi di Covid-19 confermati in Svizzera e nel Liechtenstein nelle ultime 24 ore. Lo indica il bollettino giornaliero dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Otto persone sono state ricoverate in ospedale. Non si registrano decessi. Venerdì scorso la Svizzera aveva superato per la prima volta da aprile la soglia dei 500 nuovi casi in un solo giorno, contabilizzandone 528. Sabato il totale era di 465 mentre ieri di 475. Il dato odierno appare dunque in calo, ma lo è anche il numero di test. Nelle ultime 24 ore ne sono stati effettuati 6.356, contro i 13.026 di ieri, rileva l’UFSP. Il tasso di positivi odierno è del 4,04%, contro il 3,64% di ieri. Dall’inizio della pandemia, il numero totale dei morti è salito a 1747 e il numero delle persone ricoverate in ospedale è di 4.673. Complessivamente sono stati confermati in laboratorio 47.436 casi di infezione da Covid-19 su 1.193.180 analisi effettuate in Svizzera e nel Liechtenstein. Si contano inoltre 1.918 persone in isolamento e altre 5.483 sono in quarantena per aver avuto contatti con malati. A queste se ne aggiungono 5.343 che sono in quarantena perché rientrate da un viaggio in un paese a rischio.

Domenica 13 settembre

In Svizzera nelle ultime 24 ore sono stati registrati 475 nuovi casi di coronavirus, un numero sostanzialmente in linea con i 465 di sabato, i 528 di venerdì e i 405 di giovedì. i morti sono 4, mentre le ospedalizzazioni sono 15, ha indicato l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Dall’inizio della pandemia le infezioni confermate in laboratorio sono 47.179, le ospedalizzazioni 4.665 e i decessi 1.747. In totale sono stati effettuati 1.186.824 test COVID-19, di cui 13.026 ieri.

Sabato 12 settembre

Sono 465 le nuove infezioni da Sars-CoV-2 confermate in Svizzera e Liechtenstein nelle ultime 24 ore, per un totale di 43.957. Secondo l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) almeno 1.743 persone sono morte dall’inizio della pandemia, tre in più rispetto a ieri.

Negli scorsi tre giorni i contagi annunciati erano rispettivamente 528 (su 16.287 test), 405 (16.400) e 469 (17.565). I test effettuati tra ieri e oggi sono stati 11.562, per un totale di 1.173.798. Il tasso di positività risulta del 4,7%. L’incidenza della malattia ha raggiunto 544,2 casi ogni 100 mila abitanti. I nuovi ricoveri sono stati 12, il che porta le ospedalizzazioni a 4.650.

Le persone in isolamento sono 1.917, altre 5.473 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno stato nel quale se ne trovano anche 5.335 rientrate in Svizzera da un paese considerato a rischio.

Venerdì 11 settembre

Sono 528 le nuove infezioni da COVID-19 confermate in Svizzera nelle ultime 24 ore (46.239 in totale). Secondo il bollettino quotidiano dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), 1.740 persone sono morte dall’inizio dell’epidemia, tre in più rispetto a ieri.

I contagi dunque accelerano ulteriormente dopo i 469 annunciati mercoledì e i 405 giovedì. L’incidenza della malattia ha raggiunto i 5.38,7 casi ogni 100.000 abitanti. I nuovi ricoveri sono 13, il che porta le ospedalizzazioni a 4638.

Per quanto riguarda i test, durante le scorse 24 ore ne sono stati svolti 16.287, un dato sulla falsariga degli scorsi giorni (ieri erano stati 16.400). Dall’inizio della pandemia invece gli esami effettuati per rilevare il SARS-CoV-2 sono 1.162.236, di cui il 4,7% è risultato positivo.

Le persone in isolamento sono 1.891: altre 5306 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno stato nel quale si trovano anche 5373 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio.

In Ticino si sono registrati sei nuovi contagi, per un totale di 3.577 casi. I decessi restano sempre fermi a 350, indicano le autorità aggiornando la situazione. Come da qualche giorno a questa parte, nessuno è ricoverato in ospedale per la malattia nel cantone italofono.

Giovedì 10 settembre

Sono 405 le nuove infezioni da COVID-19 confermate in Svizzera e nel Liechtenstein nelle ultime 24 ore (45.711 in totale). Secondo il bollettino quotidiano dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), almeno 1.737 persone sono morte dall’inizio dell’epidemia, due in più rispetto a ieri.

Ieri i contagi annunciati erano stati 469 (con 17.565 test effettuati), martedì 245 (con 8.835 test) e lunedì 191 (con 4.609 test).

L’incidenza della malattia ha raggiunto i 532,6 casi ogni 100.000 abitanti. I nuovi ricoveri sono stati otto, il che porta le ospedalizzazioni a 4.625.

I test effettuati tra ieri e oggi sono stati 16.400, per un totale di 1.145.949. Il tasso dei tamponi positivi si attesta al 4,7%. Le persone in isolamento sono 2098: altre 5.278 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno stato nel quale si trovano anche 10.090 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio.

In Ticino nelle ultime 24 ore sono stati registrati quattro nuovi contagi per un totale di 3.571. I decessi restano invece fermi a 350. Nei Grigioni, i contagi complessivi dall’inizio della pandemia sono 1.033 (+5), mentre le persone morte a causa dell’epidemia sono sempre 50.

Mercoledì 9 settembre

Sono 469 le nuove infezioni da COVID-19 confermate in Svizzera e nel Liechtenstein nelle ultime 24 ore (45.306 in totale). Secondo il bollettino quotidiano dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), almeno 1.735 persone sono morte dall’inizio dell’epidemia, una in più rispetto a ieri.

Ieri i contagi annunciati erano stati 245 (con 8.835 test effettuati) lunedì 191 (con 4.609 test), domenica 444 (con 12.608 test) e sabato 425 (con 15.022 test).

L’incidenza della malattia ha raggiunto i 527,9 casi ogni 100 mila abitanti. I nuovi ricoveri sono stati 14, il che porta le ospedalizzazioni a 4.617. I test effettuati tra ieri e oggi sono stati 17.565 , per un totale di 1.129.549. Il tasso dei tamponi positivi si attesta al 4,7%. Le persone in isolamento sono 2.063: altre 5.208 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno stato nel quale si trovano anche 8.496 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio.

In Ticino nelle ultime 24 ore sono stati registrati due nuovi contagi per un totale di 3.567. I decessi restano invece fermi a 350. Nei Grigioni, i contagi complessivi dall’inizio della pandemia sono 1.028 (+5), mentre le persone morte a causa dell’epidemia sono sempre 50.

Martedì 8 settembre

Sono 245 le nuove infezioni da COVID-19 confermate in Svizzera e nel Liechtenstein nelle ultime 24 ore (44.837 in totale). Secondo il bollettino quotidiano dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), almeno 1734 persone sono morte dall’inizio dell’epidemia, numero invariato rispetto a ieri. Ieri i contagi annunciati erano stati 191 (con 4.609 test effettuati), domenica 444 (con 12.608 test) e sabato 425 (con 15.022 test) .

L’incidenza della malattia ha raggiunto i 5.22,4 casi ogni 100.000 abitanti. I nuovi ricoveri sono stati sei, il che porta le ospedalizzazioni a 4.603. I test effettuati tra ieri e oggi sono stati 8835, per un totale di 1.111.984. Il tasso dei tamponi positivi si attesta al 4,8%.

Le persone in isolamento sono 1640: altre 4.845 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno stato nel quale si trovano anche 7.593 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio.

In Ticino nelle ultime 24 ore sono stati registrati quattro nuovi contagi per un totale di 3565. I decessi restano invece fermi a 350. Nei Grigioni, i contagi complessivi dall’inizio della pandemia sono 1023 (+1), mentre le persone morte a causa dell’epidemia sono sempre 50.

Lunedì 7 settembre

Calano - come capita abitualmente dopo il fine settimana quando gli studi medici sono chiusi - i test e anche i contagi in Svizzera: sono 191 le nuove infezioni da COVID-19 confermate in Svizzera e nel Liechtenstein nelle ultime 24 ore (44’592 in totale). Secondo il bollettino quotidiano dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), 1734 persone sono morte dall’inizio dell’epidemia, una in più rispetto a ieri.

Per quanto riguarda i test, durante le scorse 24 ore ne sono stati svolti 4’609, un dato nettamente inferiore rispetto ai 12’608 annunciati ieri e ai 15’000-16’000 degli scorsi giorni. Dall’inizio della pandemia invece gli esami effettuati per rilevare il SARS-CoV-2 sono 1’103’149, di cui il 4,8% è risultato positivo.

Ieri i nuovi contagi annunciati erano 444, sabato 425 e venerdì 405. L’incidenza della malattia ha raggiunto i 519,5 casi ogni 100’000 abitanti. I nuovi ricoveri sono due, il che porta le ospedalizzazioni a 4’597.

Le persone in isolamento sono 1’641: altre 4924 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno stato nel quale si trovano anche 7559 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio.

In Ticino i nuovi contagi registrati tra venerdì e oggi sono cinque, per un totale di 3’561, mentre i morti rimangono fermi a 350.

Domenica 6 settembre

Sono 444 le nuove infezioni da COVID-19 confermate in Svizzera nelle ultime 24 ore (44.401 in totale). Secondo il bollettino quotidiano dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), 1.733 persone sono morte dall’inizio dell’epidemia, una in più rispetto a ieri.

Nonostante il minor numero di tamponi eseguiti nel week end, i contagi dunque salgono ancora dopo i 405 registrati fra giovedì e venerdì e i 425 fra venerdì e sabato. L’incidenza della malattia ha raggiunto i 517,3 casi ogni 100.000 abitanti. I nuovi ricoveri sono cinque, il che porta le ospedalizzazioni a 4.595.

Per quanto riguarda i test, durante le scorse 24 ore ne sono stati svolti 12.608, un dato come detto inferiore ai 15.000-16.000 degli scorsi giorni. Dall’inizio della pandemia invece gli esami effettuati per rilevare il SARS-CoV-2 sono 1.098.540, di cui il 4,8% è risultato positivo.

Le persone in isolamento sono 1.641: altre 4.924 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno stato nel quale si trovano anche 7.559 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio.

Sabato 5 settembre

Sono 425 le nuove infezioni da COVID-19 confermate in Svizzera e nel Liechtenstein nelle ultime 24 ore (43.957 in totale). Secondo il bollettino dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), almeno 1.732 persone (invariato) sono morte dall’inizio dell’epidemia. Ieri i contagi annunciati erano stati 405 (con 16.258 test), giovedì 364 (con 14.911 test effettuati) e mercoledì 370 (con 16.538 test). L’incidenza della malattia ha raggiunto i 512,1 casi ogni 100.000 abitanti. I nuovi ricoveri sono stati sei, il che porta le ospedalizzazioni a 4590. I test effettuati tra ieri e oggi sono stati 15.022, per un totale di 1.085.932. Il tasso dei tamponi positivi si attesta al 4,8%.

Le persone in isolamento sono 1.641: altre 4.924 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno stato nel quale si trovano anche 7.559 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio.

Venerdì 4 settembre

Sono 405 le nuove infezioni da COVID-19 confermate in Svizzera e nel Liechtenstein nelle ultime 24 ore (43.532 in totale). Secondo il bollettino quotidiano dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), almeno 1.732 persone sono morte dall’inizio dell’epidemia, due in più rispetto a ieri.

Ieri i contagi annunciati erano stati 364 (con 14.911 test effettuati) e mercoledì 370 (con 16.538 test).

L’incidenza della malattia ha raggiunto i 507,2 casi ogni 100 mila abitanti. I nuovi ricoveri sono stati 14, il che porta le ospedalizzazioni a 4.584.

I test effettuati tra ieri e oggi sono stati 16.258, per un totale di 1.070.910. Il tasso dei tamponi positivi si attesta al 4,8%.

Le persone in isolamento sono 1.412: altre 4.032 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno stato nel quale si trovano anche 7.633 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio.

In Ticino nelle ultime 24 ore sono stati registrati cinque nuovi contagi per un totale di 3.556. I decessi restano invece fermi a 350.

Nei Grigioni, i contagi complessivi dall’inizio della pandemia sono 1009 (+4), mentre le persone morte a causa dell’epidemia sono sempre 50.

Giovedì 3 settembre

In Svizzera e nel Principato del Liechtenstein si registrano 364 nuovi contagi e tre decessi legati al coronavirus in 24 ore. Il totale delle infezioni sale così a 43’127 mentre il numero delle vittime sale a 1’730.

L’incidenza si attesta rispettivamente a 502,5 casi e 20,2 morti ogni 100’000 abitanti dall’inizio della pandemia. Le nuove ospedalizzazioni sono undici, per un totale di 4’559.

È quanto emerge dall’ultimo bollettino dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) che ieri aveva invece annunciato 370 nuovi casi, martedì 216 e lunedì 163.

In Ticino si registrano tre nuove infezioni - per un totale di 3’551 - e nessun decesso (dato invariato a 350 dal 12 giugno). Non si contano nemmeno nuovi ricoveri; in ospedale si trova una sola persona, secondo le autorità cantonali. Nei Grigioni, i nuovi casi positivi sono due (totale 1’005), mentre il numero di decessi resta fermo a 50.

Secondo il bollettino odierno dell’UFSP i test effettuati nel giro di 24 ore sono stati 14’911 (ossia 12’287,8 su 100’000 abitanti), per una cifra complessiva di 1’054’652 dall’inizio dell’epidemia. Il tasso di positività è del 4,9%.

Le persone attualmente in isolamento sono 1’764, quelle in quarantena 5’001. Altre 10’622 sono in quarantena dopo essere tornate da un paese considerato a elevato rischio di contagio.

Mercoledì 2 settembre

In Svizzera e nel Principato del Liechtenstein si registrano 370 nuovi contagi - ma nessun decesso - legati al coronavirus in 24 ore. Il totale delle infezioni sale così a 42’763 mentre il numero delle vittime resta fermo a 1’727. L’incidenza si attesta rispettivamente a 498,2 casi e 20,1 morti per 100’000 abitanti. Le nuove ospedalizzazioni sono nove, per un totale di 4’559.

È quanto emerge dall’ultimo bollettino dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) che ieri aveva invece annunciato 216 nuovi casi, lunedì 163 e domenica 292.

In Ticino si registrano cinque nuove infezioni - per un totale di 3’548 - e nessun decesso (dato invariato a 350 dal 12 giugno). Non si contano nemmeno nuovi ricoveri; in ospedale si trova una sola persona, secondo le autorità cantonali.

Secondo il bollettino odierno dell’UFSP i test effettuati nel giro di 24 ore sono stati 16’538 (ossia 12’114,1 su 100’000 abitanti), per una cifra complessiva di 1’039’741 dall’inizio dell’epidemia. Il tasso di positività è del 4,9%.

Le persone attualmente in isolamento sono 1’745, quelle in quarantena 4’962. Altre 10’578 sono in quarantena dopo essere tornate da un paese considerato a elevato rischio di contagio.

Martedì 1 settembre

Sono 216 i nuovi casi di coronavirus in Svizzera, per un totale di 42.393 contagi dall’inizio della pandemia. Nelle ultime 24 ore si registra un nuovo decesso, che salgono così a quota 1727. Ieri i contagi annunciati erano stati 163, domenica 292, sabato 376 e venerdì 340. Le ospedalizzazioni totali, con ulteriori 9 unità, sono complessivamente 4.550. I test per la COVID-19 effettuati nelle ultime 24 ore sono 7.517 (1.023.203 in totale)..

L’incidenza della malattia ha raggiunto i 494,0 casi ogni 100’000 abitanti. I morti sono passati a 20,2 per 100’000 abitanti. Le persone in isolamento sono 1795: altre 5589 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno Stato nel quale si trovano anche 12’396 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio.

Lunedì 31 agosto

Sono 163 le nuove infezioni da Covid-19 confermate in Svizzera e nel Liechtenstein nelle ultime 24 ore (42.177 in totale). Secondo il bollettino quotidiano dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), almeno 1.726 persone sono morte dall’inizio dell’epidemia, una in più rispetto a ieri.

Ieri i contagi annunciati erano stati 292 (con 10.064 test effettuati), sabato 376 (con 12.501 test) e venerdì 340 (con 12.820 test).

L’incidenza della malattia ha raggiunto i 491,4 casi ogni 100.000 abitanti. I nuovi ricoveri sono stati tre, il che porta le ospedalizzazioni a 4541.

I test compiuti durante le scorse 24 ore sono stati 4738, nettamente inferiori a quello dei giorni precedenti. Dall’inizio della pandemia invece gli esami eseguiti per rilevare il SARS-CoV-2 sono 1.015.686, di cui il 4,9% è risultato positivo.

Le persone in isolamento sono 1.802: altre 5.415 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno stato nel quale si trovano anche 12.191 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio.

In Ticino nel weekend sono stati registrati otto nuovi contagi per un totale di 3.541. I decessi restano invece fermi a 350. Nei Grigioni, i contagi complessivi dall’inizio della pandemia sono 1001 (+1), mentre le persone morte a causa dell’epidemia sono sempre 50.

Domenica 30 agosto

Sono 292 le nuove infezioni da Covid-19 confermate in Svizzera nelle ultime 24 ore (42’014 in totale). Secondo il bollettino quotidiano dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), tra ieri e oggi non ci sono stati decessi.

Rimangono quindi 1725 le persone morte dall’inizio dell’epidemia, mentre i contagi salgono leggermente dopo i 376 registrati ieri e i 340 di venerdì.

L’incidenza della malattia ha raggiunto i 486,1 casi ogni 100’000 abitanti. I nuovi ricoveri sono stati 5, il che porta le ospedalizzazioni a 4’538.

Per quanto riguarda i test, durante le scorse 24 ore ne sono stati svolti 10’064, un dato sensibilmente inferiore ai 12’501 annunciati ieri.

Le persone in isolamento sono 1802: altre 5’415 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno stato nel quale si trovano anche 12’191 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio.

Sabato 29 agosto

Sono 376 le nuove infezioni da Covid-19 confermate in Svizzera nelle ultime 24 ore (41’722 in totale). Secondo il bollettino quotidiano dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), tra ieri e oggi non ci sono stati decessi.

Rimangono quindi 1725 le persone morte dall’inizio dell’epidemia, mentre i contagi salgono leggermente dopo i 340 registrati ieri e i 361 di giovedì.

L’incidenza della malattia ha raggiunto i 486,1 casi ogni 100’000 abitanti. I nuovi ricoveri sono stati sei, il che porta le ospedalizzazioni a 4’533.

Per quanto riguarda i test, durante le scorse 24 ore ne sono stati svolti 12’501, un dato leggermente inferiore ai 12’820 annunciati ieri. Dall’inizio della pandemia invece gli esami eseguiti per rilevare il SARS-CoV-2 sono 1’000’884, di cui il 5,0% è risultato positivo.

Le persone in isolamento sono 1737: altre 5’024 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno stato nel quale si trovano anche 11’885 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio.

In Ticino, le autorità cantonali non aggiornano più la situazione nel fine settimana. Ieri si sono registrati due nuovi contagi, per un totale di 3532 casi. I decessi restano invece fermi a 350. Nei Grigioni, si è raggiunta la soglia dei 1’000 contagi (+6), mentre le persone morte a causa dell’epidemia sono sempre 50.

Venerdì 28 agosto

(Aggiornato alle 13) - Sono 340 le nuove infezioni da Covid-19 confermate in Svizzera nelle ultime 24 ore (41’346 in totale). Secondo il bollettino quotidiano dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), 1725 persone sono morte dall’inizio dell’epidemia, una in più rispetto a ieri.

I contagi dunque scendono leggermente dopo i 383 registrati fra martedì e mercoledì e i 361 fra mercoledì e giovedì. L’incidenza della malattia ha raggiunto i 481.7 casi ogni 100’000 abitanti. I nuovi ricoveri sono stati nove, il che porta le ospedalizzazioni a 4527.

Per quanto riguarda i test, durante le scorse 24 ore ne sono stati svolti 12’820, un dato leggermente superiore ai 12’668 annunciati ieri. Il numero odierno dei tamponi è elevato, ben sopra la media dei precedenti sette giorni, che si attesta a circa 9200. Dall’inizio della pandemia invece gli esami eseguiti per rilevare il SARS-CoV-2 sono 988’383, di cui il 5,0% è risultato positivo.

Le persone in isolamento sono 1525: altre 4255 entrate in contatto con loro sono in quarantena, uno stato nel quale si trovano anche 11’019 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio.

In Ticino si sono registrati due nuovi contagi, per un totale di 3533 casi. I decessi restano invece fermi a 350, indicano le autorità cantonali aggiornando la situazione.

Giovedì 27 agosto

Sono 361 i nuovi casi di Covid-19 confermati in Svizzera e nel Liechtenstein nelle ultime 24 ore, ciò che porta il totale a 41’006. Lo indica l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) nel suo bollettino giornaliero. Ieri erano stati annunciati 383 casi, il giorno prima 202. Si registra anche un nuovo decesso, per un totale di 1.724. Le nuove ospedalizzazioni sono 4 (4518 in totale). Ancora una volta sono stati effettuati molti test, per la precisione 12.668. L’incidenza della malattia è di 477,8 casi ogni 100.000 abitanti. Il tasso di positivi si attesta al 5%.

Le persone in isolamento sono 2150, mentre i contati in quarantena 8498. Altre 16’081 sono in quarantena dopo essere tornate da un paese considerato a elevato rischio di contagio.

Mercoledì 26 agosto

(Aggiornato alle 12.32) - Sono 383 i nuovi casi di Covid-19 confermati in Svizzera e nel Liechtenstein nelle ultime 24 ore, ciò che porta il totale a 40’645. Lo indica l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) nel suo bollettino giornaliero. Ieri erano stati annunciati 202 casi, lunedì 157 e domenica 276.

Le nuove ospedalizzazioni sono 8, per un totale di 4515, mentre non si registrato ulteriori decessi (il dato è fermo a 1723). Da notare il forte incremento di test realizzati, 14.456, decisamente sopra la media degli ultimi giorni.

Le persone in isolamento sono 1973, mentre i contati in quarantena 7971. Altre 15.285 sono in quarantena dopo essere tornate da un paese considerato a elevato rischio di contagio. In Ticino si registrano quattro nuovi casi e nessun decesso.

Martedì 25 agosto

(Aggiornato alle 13.06) - In Svizzera e nel Principato del Liechtenstein si registrano 202 nuovi contagi e due decessi legati al coronavirus in 24 ore, portando il totale a rispettivamente 40’262 e 1’723. L’incidenza si attesta a 469,1 casi per 100’000 abitanti. Le nuove ospedalizzazioni sono 11, per un totale di 4’506.

Ieri l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) aveva annunciato 157 nuovi casi, domenica 276 e sabato 295.

In Ticino si registrano sette nuove infezioni - per un totale di 3’519 - e nessun decesso (dato invariato a 350 dal 12 giugno). Non si contano nemmeno nuovi ricoveri; in ospedale si trova una sola persona, secondo le autorità cantonali.

Nei Grigioni i nuovi casi positivi sono tre, per un totale di 982. Le vittime sono ferme a 50 e in ospedale continua ad esserci un solo paziente affetto da coronavirus, si legge sul sito del Cantone.

Secondo il bollettino odierno dell’UFSP i test effettuati nel giro di 24 ore sono stati 6’641 (ossia 11’050,3 su 100’000 abitanti), per una cifra complessiva di 948’439 dall’inizio dell’epidemia. Il tasso di positività è del 5,1%.

Le persone attualmente in isolamento sono 1’729, quelle in quarantena 5’702. Altre 15’044 sono in quarantena dopo essere tornate da un paese considerato a elevato rischio di contagio.

Lunedì 24 agosto

Le nuove infezioni da coronavirus in Svizzera nelle ultime 24 ore sono state 157, con un decesso. Altre 5 persone sono state ricoverate in ospedale, stando al tradizionale bilancio dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

I casi positivi confermati in laboratorio dall’inizio della pandemia sono 40’060, pari a 466,7 ogni 100’000 abitanti. I decessi globalmente salgono a 1721, mentre i ricoveri a 4495.

In Ticino si sono registrati 12 nuovi contagi nel weekend, che fanno salire il totale a 3’512. Non si segnala tuttavia alcun decesso (totale 350).

A livello nazionale nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 4310 tamponi, per un totale di 941’798. Il tasso di esiti positivi è del 5,1%.

Le persone in isolamento attualmente sono 1739 e quelle in quarantena perché entrate in contatto con possibili contagiati sono 5740. Altre 15’033 persone sono pure in quarantena dopo essere tornate da un paese a rischio.

Domenica 23 agosto

Sono 276 i nuovi casi confermati di coronavirus registrati in Svizzera nelle ultime 24 ore, a fronte dei 295 di sabato e dei 306 di venerdì.

Lo indicano i dati aggiornati pubblicati oggi dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). I decessi rimangono fermi a 1720: nessun morto è infatti stato annunciato tra ieri e oggi.

Il numero di infezioni confermate non scende sotto le 100 unità dal 3 di agosto scorso. Il limite delle 300 infezioni giornaliere è stato superato mercoledì scorso e venerdì, dati che non si vedevano dal 19 di aprile. Negli ultimi sette giorni, il numero totale di contagiati in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein si è attestato a 1698.

Dall’inizio della pandemia, si contano 39’903 casi di infezione da Covid-19 confermati in laboratorio su un totale di 937’488 tamponi eseguiti sia nella Confederazione che nel Liechtenstein; solo nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 7072 test.

I ricoveri in ospedale sono sette in più rispetto a ieri. Il numero di persone ospedalizzate dall’inizio della crisi è salito a 4490. Oltre a ciò, 1739 soggetti si trovano in isolamento e altre 5769 individui scontano una quarantena per essere state in contatto con le prime. Altre 15’008 persone rientrate da paesi a rischio devono trascorrere dieci giorni in casa.

Sabato 22 agosto

Le nuove infezioni da coronavirus in Svizzera e nel Liechtenstein nelle ultime 24 ore sono 295 con un nuovo decesso. Negli ultimi sette giorni, i casi positivi confermati sono stati 1572, i ricoveri 30 e i decessi 5. Altre 2 persone sono state ricoverate in ospedale, ossia 52 ogni 100 mila abitanti stando al bilancio odierno dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). I casi positivi confermati in laboratori dall’inizio della pandemia sono 39.627. I decessi salgono a 1.720, ossia 20 ogni 100 mila abitanti, mentre i ricoveri 4.483. Attualmente sono stati effettuati 9.927 nuovi test COVID-19, per un totale di 930.416. Le persone in isolamento nella Confederazione sono 1739, in quarantena 5742 e 15.037 sono quelle poste in quarantena perché rientrate da una zona a rischio.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1