In Svizzera 620 mila nuove dosi di vaccino

Pandemia

Lo annuncia il consigliere federale Alain Berset, spiegando che sono state finora somministrate 2,6 milioni di dosi e i cantoni continuano ad aumentare il ritmo

 In Svizzera 620 mila nuove dosi di vaccino
© CdT/Gabriele Putzu

In Svizzera 620 mila nuove dosi di vaccino

© CdT/Gabriele Putzu

Da venerdì la Svizzera ha ricevuto 620 mila nuove dosi di vaccino contro il coronavirus. Lo ha scritto oggi in un tweet il consigliere federale Alain Berset, aggiungendo che sono state finora somministrate 2,6 milioni di dosi e i cantoni continuano ad aumentare il ritmo delle vaccinazioni.

Il «ministro» ha anche sottolineato i buoni scambi avvenuti con la Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS). Secondo quest’ultima, in maggio i cantoni possono attendersi di ricevere oltre due milioni di dosi di preparati di Moderna e Pfizer/Biontech. Si tratta di un ulteriore aumento rispetto ad aprile.

«I cantoni sono preparati per questi volumi», ha precisato la CDS rispondendo all’agenzia Keystone-ATS, aggiungendo che esiste già l’infrastruttura per effettuare circa 100 mila vaccinazioni al giorno. Secondo la CDS, l’obiettivo di poter offrire a tutti una prima vaccinazione entro la fine di giugno rimane realistico.

Nel frattempo, si estende l’apertura della vaccinazione a tutti i gruppi di popolazione. Nel canton Svitto chi ha più di 16 anni può sin d’ora annunciarsi, è stato reso noto oggi dalle autorità. A Friburgo sarà possibile dell’8 maggio, a Neuchâtel dal 10 e ad Appenzello Esterno dal 19.

A Vaud, le vaccinazioni per chi ha più di 18 anni sono state avviate la settimana scorsa, mentre nel Giura da questa settimana possono vaccinarsi tutti coloro che hanno più di 16 anni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 2

    «Facciamo un autotest per la COVID ogni martedì»

    Pandemia

    Il responsabile del Dipartimento neocastellano della sanità, Laurent Kurth, ha esortato la popolazione a utilizzare un test fai da te del coronavirus una volta la settimana: «Dovrebbe diventare un’abitudine, come la mascherina»

  • 3

    Un post negativo, oltre settecento denunce

    social media e diritto

    Un «mi piace» messo a commenti offensivi può essere punibile penalmente — È stato aperto in Vallese un caso esemplare — L’avvocato Paolo Bernasconi: «Nella pratica si viene sanzionati con una multa, ma le ripercussioni per essere stato perseguito dalla legge possono essere ben più pesanti»

  • 4

    Fermati tre pirati della strada, uno ha solo 14 anni

    zurigo

    Un 23.enne è stato fermato a Elgg dopo aver invaso la corsia opposta per eccesso di velocità, a Schlieren un 18.enne ha tentato di scappare dalla polizia ma è andato a sbattere contro un semaforo e infine il più giovane è stato denunciato alla giustizia minorile a Männedorf per aver tentato di fuggire da una pattuglia

  • 5
  • 1
  • 1