In tre Cantoni si voterà su argomenti legati alla COVID

29 novembre

Basilea Campagna, San Gallo e Uri si esprimeranno rispettivamente su una riduzione degli affitti commerciali, su un programma di prestiti cantonali per piccole e medie imprese, sulla possibilità di dare al governo il diritto di emanare decreti urgenti

In tre Cantoni si voterà su argomenti legati alla COVID
© Shutterstock

In tre Cantoni si voterà su argomenti legati alla COVID

© Shutterstock

In tre cantoni della Svizzera tedesca si vota il 29 novembre su oggetti legati all’epidemia di COVID-19. Votazioni di carattere locale si tengono complessivamente in nove cantoni tedescofoni e in due romandi.

BL: riduzione degli affitti commerciali

A Basilea Campagna i cittadini si esprimono su una nuova legge con la quale si intende ridurre gli affitti per le imprese colpite dalla pandemia. Il Cantone pagherebbe un terzo del canone di locazione per i locali commerciali se i proprietari rinunciano a un altro terzo della pigione. Ai locatari resterebbe così da pagare solo un terzo dell’affitto.

Il modello si ispira a un sistema già applicato a Basilea Città. Gli aiuti - con un contributo massimo di 3.000 franchi al mese per azienda - dovrebbero valere retroattivamente per i mesi di aprile, maggio e giugno di quest’anno. Il costo totale per il cantone è stimato a 10 milioni di franchi.

La legge è stata approvata dal parlamento cantonale, senza però raggiungere il quorum dell’80%, motivo per cui viene ora sottoposta a votazione popolare.

SG: prestiti cantonali

Nel canton San Gallo si decide sul programma cantonale di prestiti per sostenere finanziariamente le piccole e medie imprese colpite dalla pandemia. L’ordinanza urgente del governo adottata in aprile è stata convertita in legge a maggio. Trattandosi di un importo massimo di 50 milioni di franchi, la legge è soggetta a referendum obbligatorio.

Il sostegno cantonale, che dovrebbe integrare gli aiuti federali, viene fornito sotto forma di prestiti. Non sono previsti contributi a fondo perduto. Possono beneficiarne solo le aziende il cui fatturato non supera i 10 milioni di franchi. Il Cantone prevede che il totale dei prestiti raggiungerà i 3-3,5 milioni di franchi.

UR: decreti urgenti

Nel canton Uri è in votazione un articolo costituzionale che dà al governo il diritto di emanare decreti urgenti in situazioni di crisi. A differenza della Confederazione e della maggior parte dei Cantoni, Uri non dispone di una base costituzionale per simili interventi.

Il parlamento cantonale ha approvato il nuovo articolo costituzionale con 54 voti favorevoli e 3 contrari.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1