Kloten vuole tornare a volare, ma serve il vaccino

Aviazione

Lo scalo zurighese, più volte premiato fra i migliori in Europa prima della pandemia, nel 2020 ha registrato numeri orribili: la ripartenza passerà giocoforza dal «passaporto COVID»

Kloten vuole tornare a volare, ma serve il vaccino
© Keystone/Gaetan Bally

Kloten vuole tornare a volare, ma serve il vaccino

© Keystone/Gaetan Bally

Di questi tempi, conservare un lembo di cielo sopra le nostre vite – in pieno stile proustiano – è un’impresa non da poco. Viaggiare sembra un predicato incompatibile con le misure volte a contenere la pandemia di coronavirus, volare è ormai diventato un dedalo burocratico che ti fa passare la voglia di spiegare le ali. Ciò che per il viaggiatore è una seccatura tollerabile nel nome del bene comune, per tutta una serie di attori economici ha invece il retrogusto di lenta agonia. Tra le vittime più illustri di un mondo fattosi improvvisamente immobile, c’è l’aeroporto di Zurigo. Più volte premiato tra i migliori in Europa, lo scalo di Kloten deve fare i conti con una brutta battuta d’arresto. Nel 2020, i numeri sono stati orribili. Tra i dati consuntivi presentati giusto una settimana fa, quello...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1