L’atomo continua a farla da padrone nella produzione di elettricità

Energie rinnovabili

La fornitura di energia nucleare è aumentata tra il 2017 e il 2018 (dal 15,1 a 17,3%), ma è sempre più di provenienza svizzera (dal 93,6 al 99,8%)

L’atomo continua a farla da padrone nella produzione di elettricità

L’atomo continua a farla da padrone nella produzione di elettricità

La maggior parte dell’energia elettrica fornita nel 2018 nella Confederazione è da attribuire alle grandi centrali idroelettriche, ma le centrali nucleari rimangono al momento una fonte importante dell’approvvigionamento. Tuttavia, il mix di produzione non coincide con quello di distribuzione evidenziando grandi differenze nell’importazione e nell’esportazione di energia da e per l’estero.

Stando ai dati pubblicati oggi dall’Ufficio federale dell’energia (UFE), emerge che la fornitura di energia nucleare è aumentata tra il 2017 e il 2018 (dal 15,1 a 17,3%), ma è sempre più di provenienza svizzera (dal 93,6 al 99,8%).

In progressione anche l’energia fornita dalle grandi centrali idroelettriche (dal 60,5 al 66%), ma la quota di origine svizzera è in diminuzione (dll’80 al 76%), indica l’UFE in una nota.

Per quanto riguarda la produzione (e non il consumo), i valori variano notevolmente: la forza idrica (55,4%) fa sempre la parte del leone, ma è anche elevata la quota del nucleare (36,1%), a differenza di energie rinnovabili (6%) e vettori fossili (2,8%).

«Ai consumatori finali non è fornita solamente energia elettrica prodotta in Svizzera: il nostro Paese intrattiene infatti intensi scambi commerciali con l’estero, esportando e importando energia», sottolinea l’UFE, spiegando perché il mix di produzione svizzero non coincide con la composizione media dell’elettricità fornita.

Energie rinnovabili

Il 7,85% dell’elettricità fornita deriva dalle energie rinnovabili, definite come fotovoltaico, eolico, biomassa e piccole centrali idroelettriche. L’anno precedente la percentuale si attestava al 7,2%. «Di questa quota, il 91% circa è stato prodotto in Svizzera e circa tre quarti della produzione sono stati incentivati mediante il Sistema di rimunerazione per l’immissione di elettricità (SRI)», precisa l’UFE.

Circa il 6% dell’energia fornita è invece di origine sconosciuta, aggiunge l’UFE. Questa «energia grigia» è però consentita solo fino a quest’anno, poiché in seguito sarà in vigore l’obbligo generale di dichiarazione della provenienza, ad esempio per il carbone proveniente dall’estero.

Uno studio comparativo con l’Unione europea condotto dalla Fondazione svizzera dell’energia (Schweizerische Energie-Stiftung, SES) mostra che la Svizzera è in forte ritardo rispetto ai Paesi limitrofi, in particolare per quanto riguarda l’energia solare ed eolica. La Confederazione si è piazzata al 25. posto su 28 paesi considerati.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Simonetta Sommaruga in visita nel canton Vaud

    coronavirus

    La presidente della Confederazione ha visitato le urgenze e le cure intensive dell’Ospedale universitario di Losanna (CHUV), dicendosi «profondamente commossa e piena di gratitudine» per il personale curante

  • 2

    Superata la «prova del nove» per la Pasqua

    pandemia

    Le autorità hanno osservato che le misure introdotte sono state comprese dalla popolazione - Nuovo incontro informativo con la stampa per aggiornare la popolazione sulla situazione legata al coronavirus nel paese - LA DIRETTA DA BERNA

  • 3

    Lavoro ridotto alla SSR

    coronavirus

    L’annullamento delle grandi manifestazioni sportive e culturali e il netto calo degli introiti pubblicitari hanno costretto il Comitato direttivo a introdurre la misura per alcuni settori dell’azienda

  • 4

    Gli universitari chiedono un fondo di emergenza

    coronavirus

    L’organizzazione studentesca chiede un sostegno finanziario dalla Confederazione, dai Cantoni e dalle università che permetta di aiutare in modo non burocratico gli studenti in difficoltà a causa della pandemia

  • 5

    Coronavirus: Helvetas aiuta i Paesi poveri

    Pandemia

    L’organizzazione svizzera per lo sviluppo ha messo in atto diverse iniziative per sostenere le persone e limitare il contagio in Africa, Asia meridionale e America Latina

  • 1
  • 1