«L’iniziativa UDC sarebbe catastrofica per 460 mila svizzeri»

Votazioni federali

Il Consiglio degli Svizzeri all’estero raccomanda il «no» a «Per un’immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione)» - Secondo il CSE, limiterebbe i connazionali che vivono in UE e avrebbe un impatto negativo sulla piazza economica elvetica

 «L’iniziativa UDC sarebbe catastrofica per 460 mila svizzeri»
©CdT/Archivio

«L’iniziativa UDC sarebbe catastrofica per 460 mila svizzeri»

©CdT/Archivio

Il Consiglio degli Svizzeri all’estero (CSE) raccomanda il «no» all’iniziativa dell’UDC «Per un’immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione)» al voto il prossimo 27 settembre.

Se venisse accettata, l’iniziativa avrebbe conseguenze catastrofiche per i 460 mila svizzeri che vivono nell’Unione europea, scrive oggi la CSE in una nota.

Gli svizzeri beneficiano direttamente dei vantaggi della libera circolazione delle persone, grazie alla quale possono cercare lavoro in un paese dell’UE e stabilirvisi. Mettere fine a questo accordo non limiterebbe soltanto la mobilità dei cittadini svizzeri, ma avrebbe anche un impatto negativo sulla piazza economica elvetica.

La CSE difende gli interessi dei 770 mila svizzeri che vivono all’estero. La decisione di raccomandare il «no» alla «Iniziativa per la limitazione» è stata presa a larga maggioranza, da 86 dei 140 delegati che si riuniscono due volte all’anno per discutere di questioni di diretta rilevanza per la cosiddetta «Quinta Svizzera».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1