«La legge COVID? L’alternativa è tornare a chiudere il Paese»

L’intervista

Il 28 novembre in Svizzera torneremo a votare per la seconda volta sulla Legge COVID - Al centro del dibattito c’è il certificato COVID - Ne parliamo con il consigliere federale Alain Berset

«La legge COVID? L’alternativa è tornare a chiudere il Paese»

«La legge COVID? L’alternativa è tornare a chiudere il Paese»

Il primo articolo della nuova legge su cui andremo a votare recita: «La strategia (ndr. del Consiglio federale) limita il meno possibile e il più brevemente possibile la vita economica e sociale». Siete sicuri di aver fatto tutto quanto possibile per limitare il meno possibile la vita economica e sociale del Paese? «Questo è sempre stato, in maniera molto chiara, il cammino che il Consiglio federale ha scelto e perseguito sin dall’inizio della crisi: abbiamo cercato di limitare il meno possibile la vita delle persone. D’altronde lo possiamo vedere comparando la nostra situazione con quella degli altri Paesi europei. Siamo stati molto più liberali con le misure rispetto alla quasi totalità dei Paesi a noi vicini. E questo ha funzionato perché la popolazione ha sempre attuato in modo esemplare...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Oggi torna a riunirsi il Consiglio federale

    berna

    Dopo aver posto in consultazione la proroga fino a fine marzo delle restrizioni attualmente in vigore, questo pomeriggio l’Esecutivo dovrà prendere una decisione in merito – Cantoni favorevoli, ma solo fino a fine febbraio

  • 2

    Il tabagismo nel mirino

    urne

    Il 13 febbraio si vota sull’iniziativa «Sì alla protezione dei fanciulli e degli adolescenti dalla pubblicità per il tabacco»: una soluzione per proteggere al meglio i giovani dagli effetti negativi del fumo o un’intromissione esagerata nel libero mercato? Il dossier spiegato in cinque punti

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1