La polizia deve poter intervenire in caso di minaccia

Votazione federale

È quanto sostiene oggi il Consiglio federale, che invita ad approvare la legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo in voto in giugno

La polizia deve poter intervenire in caso di minaccia
©CDT/Archivio

La polizia deve poter intervenire in caso di minaccia

©CDT/Archivio

La polizia, in caso di indizi concreti, dovrebbe poter intervenire tempestivamente con misure preventive per impedire un reato grave di stampo terroristico. È quanto ha sostenuto oggi in conferenza stampa a Berna la consigliera federale Karin Keller-Sutter, che a nome del Governo invita ad approvare la legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (MPT) in votazione il prossimo 13 giugno.

Nella Confederazione la minaccia del terrorismo è elevata dal 2015 e solo lo scorso anno sono state perpetrate due aggressioni a possibile sfondo terroristico. Secondo il capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), con la nuova legge «s’intende colmare una lacuna».

In caso di minaccia terroristica concreta, ma se ancora non è stato commesso alcun reato, la polizia ha di norma le mani legate, ha detto dal canto suo Nicoletta della Valle, direttrice dell’Ufficio federale di polizia (fedpol). «Il terrorismo è una realtà anche in Svizzera», ha ribadito, aggiungendo che l’obiettivo, se esistono concreti indizi, è di «agire prima che sia troppo tardi».

MPT: ultima risorsa per impedire reati

«Il terrorismo costituisce sempre un attacco ai nostri valori, alle nostre istituzioni e quindi anche alla nostra democrazia», ha affermato Keller-Sutter, precisando che le misure di polizia per la lotta al terrorismo serviranno a migliorare la protezione della popolazione garantendo un «equilibrio tra libertà e sicurezza».

Tra le misure preventive previste figurano ad esempio l’obbligo di presentarsi a un posto di polizia, così come il divieto di avere contatti, di lasciare il Paese, di accedere ad aree determinate e - in ultima ratio e quale misura più severa - la residenza coatta.

La polizia potrà agire soltanto dopo che tutte le misure sociali, educative o terapeutiche sono state provate. La nuova legge «rappresenta l’ultima risorsa per impedire un reato», ha spiegato Keller-Sutter. Inoltre, ha aggiunto la sangallese, le misure hanno durata limitata, devono essere proporzionate e sono impugnabili dinanzi al Tribunale amministrativo federale (TAF), in modo da garantire la costituzionalità e il rispetto di obblighi internazionali della Confederazione.

In realtà, alcune di queste misure preventive vengono già applicate nell’ambito della tifoseria violenta e della violenza domestica. La MPT, ha sottolineato la «ministra» della giustizia, introduce questa possibilità anche nella lotta al terrorismo.

Una questione europea

La MPT, che rientra nella strategia della Confederazione e dei Cantoni per la lotta al terrorismo, è stata adottata dal parlamento lo scorso settembre, ma è poi stata oggetto di referendum. Dal prossimo primo luglio - in seguito all’approvazione da parte del legislativo, sempre nell’autunno 2020 - entreranno invece in vigore la perseguibilità penale per il reclutamento e l’istruzione di terroristi nonché i viaggi a scopi terroristici, ha detto Keller-Sutter.

Negli ultimi anni gli strumenti di lotta al terrorismo - una realtà presente in tutta Europa - sono stati incessantemente ampliati e affinati sia in Svizzera, sia nel resto del continente. Da un confronto internazionale, ha spiegato la consigliera federale, è emerso che anche Germania, Francia, Gran Bretagna, Belgio e Olanda hanno già inasprito i provvedimenti in questo ambito, mentre l’Austria, dopo l’attentato a Vienna dello scorso anno, seguirà a breve.

In seguito agli attentati di Parigi, avvenuti nel 2015, la cooperazione internazionale nella lotta al terrorismo è stata continuamente potenziata: la Svizzera partecipa, tra le altre cose, al Sistema d’informazione di Schengen (SIS), tramite il quale vengono incessantemente scambiate informazioni di polizia su persone sospettate di attività terroristiche in tutto lo spazio Schengen.

Nel 2017 è stato adottato il Piano d’azione nazionale per prevenire e combattere la radicalizzazione e l’estremismo violento, ha spiegato André Duvillard, delegato della Rete integrata Svizzera per la sicurezza (RSS), precisando che negli ultimi anni la maggior parte dei cantoni e delle grandi città ha sviluppato strutture in questo ambito.

Le misure di polizia per la lotta al terrorismo «sono l’ultimo pezzo del puzzle di questo lavoro di prevenzione. Questa legge permette di aggiungere l’ultimo elemento per permettere alla Svizzera di agire e di farlo il prima possibile con provvedimenti mirati», ha aggiunto Duvillard, secondo cui la MPT «non è lo strumento che useremo di più, ma lo faremo quando sarà necessario».

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Un post negativo, oltre settecento denunce

    social media e diritto

    Un «mi piace» messo a commenti offensivi può essere punibile penalmente — È stato aperto in Vallese un caso esemplare — L’avvocato Paolo Bernasconi: «Nella pratica si viene sanzionati con una multa, ma le ripercussioni per essere stato perseguito dalla legge possono essere ben più pesanti»

  • 2

    Fermati tre pirati della strada, uno ha solo 14 anni

    zurigo

    Un 23.enne è stato fermato a Elgg dopo aver invaso la corsia opposta per eccesso di velocità, a Schlieren un 18.enne ha tentato di scappare dalla polizia ma è andato a sbattere contro un semaforo e infine il più giovane è stato denunciato alla giustizia minorile a Männedorf per aver tentato di fuggire da una pattuglia

  • 3
  • 4
  • 5

    Lenta ripresa a Kloten

    Aviazione

    Il gestore dello scalo ha annunciato che ad aprile sono transitati 325.500 passeggeri, dodici volte di più rispetto allo stesso mese del 2020

  • 1
  • 1