La Svizzera offrì 1,25 milioni di dollari ai talebani per il rilascio di una coppia di ostaggi

Rapimento

Lo afferma Daniela Widmer in un’intervista pubblicata oggi dalla «NZZ am Sonntag»

La Svizzera offrì 1,25 milioni di dollari ai talebani per il rilascio di una coppia di ostaggi
© Shutterstock

La Svizzera offrì 1,25 milioni di dollari ai talebani per il rilascio di una coppia di ostaggi

© Shutterstock

La Svizzera ha offerto 1,25 milioni di dollari per la liberazione di una coppia sequestrata dai talebani nel 2011 in Pakistan. Lo afferma l’ex ostaggio Daniela Widmer in un’intervista pubblicata oggi dalla «NZZ am Sonntag». Alla fine non vi fu alcun pagamento: lei e il suo compagno di allora, David Och, riuscirono a fuggire dopo otto mesi e mezzo di prigionia.

Secondo la Widmer in caso di prese d’ostaggio viene quasi sempre pagato un riscatto: «è ridicolo se i governi sostengono il contrario. Nessuno viene liberato solo grazie a buone trattative e una stretta di mano».

Nel loro caso l’ultima offerta della Svizzera, avanzata una settimana prima della fuga, ammontava a 1,25 milioni di dollari, ma i talebani ne chiedevano 50, spiega la Widmer. «Allora capimmo che le trattative non avrebbero mai portato a nulla e che non ci restava nient’altro che fuggire.»

Il poliziotto bernese, allora 31.enne, e la sua ragazza, 28.enne, furono rapiti nel luglio 2011 mentre si trovavano in viaggio su un furgone nella regione del Belucistan, nel sudovest del Pakistan. Secondo la versione ufficiale i due riuscirono a scappare e si presentarono a un posto di controllo dell’esercito.

Stando al Dipartimento federale degli affari esteri non fu versato alcun riscatto. Ciononostante risultarono costi notevoli per la Confederazione: durante i 259 giorni di prigionia diversi funzionari erano costantemente alle prese con il caso.

Nell’intervista la Widmer ha raccontato ancora una volta la sua storia. «Dopo averci assaliti ci hanno deportati per due settimane in giro per le montagne, facendoci dormire di giorno in ovili e, di notte, facendoci attraversare anche zone paludose. (...) Ricevevamo due uova al giorno e acqua sporca.» La donna dice di aver sofferto di diarrea per mezzo anno e il suo compagno ha avuto due volte la malaria, perdendo 22 kg.

Al loro ritorno in Svizzera la coppia era stata aspramente criticata per essersi messa in pericolo nonostante gli avvertimenti. La Widmer sostiene che i due si erano preparati bene al viaggio: «se avessimo saputo dei sequestri non saremmo mai passati da lì». Ma alla fine i colpevoli sono sempre i rapitori.

La storia della coppia è al centro del nuovo film del regista svizzero Michael Steiner Und morgen seid ihr tot (E domani sarete morti), che aprirà giovedì la 17.esima edizione dello Zurich Film Festival.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    «Le relazioni con Berna non sono una priorità dei prossimi sei mesi»

    SVIZZERA-UE

    I rapporti con il nostro Paese non saranno nell’agenda del semestre di presidenza francese al Consiglio dell’Unione europea – Ma secondo l’ambasciatore di Francia in Svizzera solo perché la Confederazione ha interrotto le trattative sull’accordo quadro, non vuol dire che le domande ad esso legate siano sparite

  • 2
  • 3
  • 4

    «Dal 2003 chiusi 70 giornali»

    Votazioni federali

    Simonetta Sommaruga presenta le ragioni del sì in vista del referendum del 13 febbraio contro il pacchetto a sostegno dei media — In ballo c’è un aumento degli aiuti finanziari per un massimo di 151 milioni di franchi: «A risentire di un possibile no sarebbe la democrazia diretta»

  • 5

    «Ospedali sempre più sovraccarichi, si intervenga subito»

    pandemia

    L’Associazione svizzera degli infermieri lancia l’allarme: «Se non si blocca la quinta ondata, i medici dovranno decidere chi curare e chi no» - Chiesto inoltre una migliore tutela del personale curante, dalle ore di riposo a un bonus mensile

  • 1
  • 1