La Svizzera si interroga sul rallentamento nelle consegne di Pfizer

Vaccino

«Prendiamo sul serio la notizia della penuria di consegne e stiamo ora chiarendo quali saranno le conseguenze», ha indicato stasera l’Ufficio federale della sanità pubblica

La Svizzera si interroga sul rallentamento nelle consegne di Pfizer
EPA/MARKO DJOKOVIC

La Svizzera si interroga sul rallentamento nelle consegne di Pfizer

EPA/MARKO DJOKOVIC

Anche nella Confederazione ci si interroga sull’effetto del rallentamento delle consegne di vaccini anti-Covid deciso per il continente europeo dal colosso farmaceutico americano Pfizer. «Prendiamo sul serio la notizia della penuria di consegne di Pfizer e stiamo ora chiarendo quali saranno le conseguenze per la Svizzera», ha indicato stasera l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) all’agenzia Keystone-ATS.

L’autorità aggiunge che si sapeva fin dall’inizio come la carenza di vaccini a livello mondiale avrebbe rappresentato una sfida. Per questo motivo Berna sta perseguendo una strategia diversificata: la Confederazione si affida a diversi produttori di vaccini e a varie tecnologie di vaccinazione, poiché lo sviluppo e la disponibilità del vaccino Covid-19 nascondono molte incertezze, sottolinea l’UFSP.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1