«Le critiche agli scambi militari sono ingiustificate»

Svizzera-Israele

I due Paesi compiono sette decenni di relazioni diplomatiche - A colloquio con Jacob Keidar, ambasciatore a Berna

«Le critiche agli scambi militari sono ingiustificate»
(Foto Karl Heinz Hug)

«Le critiche agli scambi militari sono ingiustificate»

(Foto Karl Heinz Hug)

BERNA - Israele dichiarò la sua indipendenza il 14 maggio 1948. La Svizzera riconobbe la nuova nazione nel gennaio del 1949. Il legame tra i due Paesi è profondo: il primo congresso sionista si è tenuto a Basilea nel 1897; altri 15 dei 22 congressi successivi si sono svolti in terra elvetica. Prima della costituzione dello Stato d’Israele in Palestina, la Confederazione era presente nella regione con un consolato a Gerusalemme e un’agenzia consolare a Tel Aviv. Dopo gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita, Israele è il terzo maggiore partner commerciale svizzero nel Vicino e Medio Oriente. Nel 2018 il volume degli scambi commerciali fra i due Stati era di1,8 miliardi di franchi, con 1,2 miliardi di esportazioni elvetiche in Israele e 584 milioni di importazioni da Israele nel nostro Paese....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1