A pochi giorni dalla votazione sulla Legge COVID-19, continuano a circolare, fra i più scettici nei confronti delle misure contro la pandemia, le voci relative a possibili manipolazioni del risultato alle urne. Addirittura, il portale “Wahlbeobachter.ch” invita chi ha timore che non si tenga conto del proprio voto a caricare, nel sito, la propria scheda compilata, insieme a un selfie e a un documento d’identità.

La mancanza di fiducia nelle autorità «non è una novità», afferma Marc Bühlmann, professore e direttore della piattaforma Année Politique Suisse all’Università di Berna, nonché esperto di teoria della democrazia e di sociologia politica. «Si parte dal presupposto che in ogni Paese, dal 20 al 40% dei cittadini diffidi di chi governa». Una tendenza via via cresciuta dopo la fine della...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
  • 1
Ultime notizie: Svizzera
  • 1