Le sigarette potranno continuare a contenere mentolo

svizzera

Il Consiglio nazionale ha cambiato idea e si è allineato su questo punto agli Stati nell’esame della revisione legge sul tabacco volta a ridurre i rischi indotti dal consumo di tale sostanza - Il dossier è pronto per le votazioni finali

Le sigarette potranno continuare a contenere mentolo
© archivio cdt

Le sigarette potranno continuare a contenere mentolo

© archivio cdt

Le sigarette potranno anche in futuro contenere mentolo. Il Consiglio nazionale ha cambiato idea e si è allineato su questo punto agli Stati nell’esame della revisione legge sul tabacco volta a ridurre i rischi indotti dal consumo di tale sostanza. Il dossier è pronto per le votazioni finali.

«Il mentolo è usato solo nei prodotti legati al tabacco che saranno vietati ai minori», ha sottolineato Benjamin Roduit (Centro/VS) a nome della commissione. Per Andreas Glarner (UDC/AG), il problema non è il mentolo ma la nicotina. «Un divieto sarebbe anche una forte intrusione nella libertà economica delle imprese che oltretutto causerebbe perdite d’impieghi», ha aggiunto.

Il mentolo non è solo un aroma ma favorisce l’assorbimento della nicotina, ha replicato la minoranza. L’impatto economico di un suo divieto sarebbe inoltre debole perché questo tipo di sigarette è già vietato nell’UE. Al voto la maggioranza ha però preferito allinearsi alla Camera dei cantoni e rinunciare alla proibizione con 99 voti contro 85 e 8 astenuti.

La modifica legislativa adottata oggi era stata inizialmente pensata per poter ratificare la Convenzione quadro dell’Organizzazione mondiale della sanità per la lotta al tabagismo, entrata in vigore nel 2005. La revisione risponde anche alle richieste incluse in un’iniziativa popolare che intende vietare la pubblicità del tabacco depositata nel 2019.

Questa proposta di modifica costituzionale - denominata «Fanciulli e adolescenti senza pubblicità per il tabacco» e sottoscritta da 109’969 persone - chiede di vietare ogni forma di pubblicità del tabacco che raggiunge bambini e giovani, sulla stampa, in internet, sui manifesti, nei cinema e nei punti vendita. Sarebbe vietata anche la sponsorizzazione di eventi e le sigarette elettroniche sarebbero regolamentate come quelle tradizionali. Rimarrebbe possibile la pubblicità rivolta unicamente agli adulti. Le due Camere l’hanno bocciata. Sarà quindi sottoposta al popolo con raccomandazione di respingerla.

Quanto alla nuova legge sul tabacco adottata oggi, questa non prevede un divieto generalizzato della pubblicità sulla stampa e in internet. La proibizione si applicherà solo alla stampa e ai portali destinati ai minori. Vietata anche la pubblicità nei cinema e negli spazi pubblici, compresi trasporti pubblici e impianti sportivi, nonché quella su manifesti visibili dal suolo pubblico. Continuerà a non essere ammessa in radio e alla televisione.

Circa la sponsorizzazione di prodotti contenenti tabacco, quest’ultima sarà vietata per gli eventi a carattere internazionale o se rivolti a un pubblico di minorenni. La legge regola ancora i prodotti del tabacco destinati a essere riscaldati e quelli a base di nicotina per uso orale. Ammette anche le sigarette elettroniche contenenti nicotina. Lo «svapare» sarà proibito laddove è vietato fumare.

La legge fissa anche un’età minima di 18 anni generalizzata a livello svizzero per la vendita di tabacco. Attualmente, ogni cantone ha una propria legislazione in materia: undici vietano la vendita ai minorenni e dodici hanno fissato l’età minima a 16 anni. Tre cantoni non prevedono alcun limite.

Durante le discussioni, il consigliere federale Alain Berset ha però detto che queste disposizioni non permetteranno di ratificare la convenzione in quanto la portata della legge è limitata. «Per esempio - aveva sostenuto il ministro della sanità - già oggi non c’è pubblicità dei prodotti del tabacco nei media rivolti ai minori». Per quanto riguarda il divieto di pubblicità tramite affissi introdotto nel progetto, questo esiste già in 17 cantoni. E per quanto riguarda la réclame nei cinema: oggi c’è già poca o nessuna pubblicità per il tabacco.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Avanti così e i tropici si sposteranno a Lugano

    COP26

    L’Organizzazione meteorologica mondiale lancia l’ennesimo allarme: nel 2020 le emissioni di gas serra hanno raggiunto un picco – Gli obiettivi dell’Accordo di Parigi non verranno raggiunti, la temperatura media globale potrebbe alzarsi addirittura di 2,7 gradi – Ne parliamo con Luca Panziera di MeteoSvizzera

  • 2
  • 3

    La fragola è ticinese? Lo scienziato risponde

    La ricerca

    Ecco come funziona la nuova tecnica dei botanici di Basilea: «Combattiamo le truffe sull’origine degli alimenti, le false indicazioni provocano danni per 40 miliardi all’anno. Il nostro metodo è in assoluto il più rapido ed economico per smascherare le indicazioni fraudolente»

  • 4
  • 5

    Ricatto a Berset, per la Gestione ci sono ancora punti da chiarire

    Giustizia

    Gli approfondimenti riguardano la proporzionalità dell’intervento dell’unità speciale «Tigris» della Polizia federale, l’eventuale uso abusivo della limousine del Consiglio federale e del personale federale a fini privati, e l’uso di una carta di credito

  • 1
  • 1