Le varianti continuano a correre: in Svizzera 674 casi

Pandemia

La mutazione britannica ha infettato 336 persone, quella sudafricana è stata rilevata in 13 casi, mentre altre 325 infezioni sono messe in relazione a mutazioni non identificate - L’UFSP mette in guardia: «Cifre molto sottostimate»

 Le varianti continuano a correre: in Svizzera 674 casi
©Shutterstock

Le varianti continuano a correre: in Svizzera 674 casi

©Shutterstock

Le nuove varianti del coronavirus continuano a diffondersi in Svizzera. L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) è a conoscenza oggi (venerdì) di 674 casi, dopo i 582 di giovedì e i 479 di mercoledì.

La mutazione britannica B1.1.7 (o 501Y.V1) ha infettato 336 persone dalla sua prima apparizione in ottobre nel canton Vaud, ha fatto sapere l’UFSP su richiesta dell’agenzia di stampa Keystone-ATS. La variante sudafricana B1.351 (501Y.V2) è stata rilevata in 13 casi, mentre altre 325 infezioni sono messe in relazione a mutazioni non identificate.

Il maggior numero di casi della mutazione britannica si è verificato nel canton Berna (88 casi), seguito da Ginevra (73) e Vaud (51).

Le mutazioni non identificate sono state rilevate più frequentemente nel cantone dei Grigioni (65 casi), nel canton Ginevra (51), nel canton Zurigo (50) e nel canton Ticino con 43 casi.

L’UFSP sottolinea che queste cifre «non sono rappresentative» e devono essere utilizzate con cautela. Le cifre sono molto sottostimate, soprattutto nei cantoni dove il sequenziamento dei geni ha interessato pochi campioni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1