«Le votazioni federali del 29 novembre non sono a rischio»

democrazia

La chiamata alle urne si svolgerà come previsto malgrado la seconda ondata di coronavirus - Lo ha affermato il portavoce del Consiglio federale

«Le votazioni federali del 29 novembre non sono a rischio»
©CdT/Archivio

«Le votazioni federali del 29 novembre non sono a rischio»

©CdT/Archivio

Le votazioni federali del 29 novembre si svolgeranno come previsto, malgrado la seconda ondata di pandemia di coronavirus. Lo ha affermato oggi il portavoce del Consiglio federale André Simonazzi a margine della conferenza stampa di presentazione delle nuove misure per lottare contro il virus.

«La data del voto non è in pericolo», ha affermato Simonazzi secondo cui la formazione dell’opinione non è limitata in modo tale da giustificare un rinvio della chiamata alle urne. Concetti di protezione sono inoltre previsti per lo spoglio delle schede.

Il 29 novembre si voterà su due iniziative popolari: «per imprese responsabili - a tutela dell’essere umano e dell’ambiente» e «per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico».

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1