Legge anti-terrorismo, i contrari depositano le firme

Berna

Il comitato ha comunicato di aver consegnato oggi circa 87.800 sottoscrizioni per osteggiare il progetto

Legge anti-terrorismo, i contrari depositano le firme
©KEYSTONE/Peter Klaunzer

Legge anti-terrorismo, i contrari depositano le firme

©KEYSTONE/Peter Klaunzer

Legge anti-terrorismo, i contrari depositano le firme
©KEYSTONE/Peter Klaunzer

Legge anti-terrorismo, i contrari depositano le firme

©KEYSTONE/Peter Klaunzer

Legge anti-terrorismo, i contrari depositano le firme
↕4KEYSTONE/Peter Klaunzer

Legge anti-terrorismo, i contrari depositano le firme

↕4KEYSTONE/Peter Klaunzer

Legge anti-terrorismo, i contrari depositano le firme
↕4KEYSTONE/Peter Klaunzer

Legge anti-terrorismo, i contrari depositano le firme

↕4KEYSTONE/Peter Klaunzer

È probabile che sarà il popolo a decidere il destino della Legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (MPT), adottata in settembre dal Parlamento. Il comitato contrario ha infatti comunicato di aver depositato oggi a Berna il proprio referendum per osteggiare il progetto, munito di circa 87.800 firme.

Il comitato referendario è composto dai Giovani Verdi, dalla Gioventù socialista, dai Giovani Verdi Liberali, dal Partito Pirata, dall’associazione Chaos Computer Club e dal gruppo Parat. Già settimana scorsa aveva annunciato di aver raggiunto le sottoscrizioni necessarie, ovvero almeno 50.000.

Gli oppositori criticano il fatto che le misure previste contro potenziali terroristi dal progetto di legge limitano gravemente i diritti fondamentali e la libertà individuale. Considerano ciò un attacco frontale allo Stato di diritto.

A loro avviso, la legge viola la Convenzione europea dei diritti dell’uomo e contempla misure che vanno ben oltre la prevenzione. Si tratta di punizioni senza che sia stato commesso un crimine o emessa una condanna, affermano i contrari.

Particolarmente discutibile è giudicata la possibilità di utilizzare misure di polizia contro ragazzini a partire dai 12 anni. Tra questi provvedimenti vi sono divieti di contatto, di lasciare il Paese e una sorveglianza elettronica. Ad eccezione degli arresti domiciliari, tra l’alto possibili già per adolescenti dai 15 anni in su, la polizia può ordinare tutto ciò senza un’ordinanza del tribunale, avvertono i promotori del referendum.

Un comitato civico favorevole è invece stato formato da UDC, PLR e PPD. Stando ai suoi membri, la Svizzera deve poter difendere le proprie istituzioni dall’estremismo e per farlo ha bisogno di strumenti che vanno dalla prevenzione alle sanzioni fino alla raccolta di informazioni. Quanto previsto dalla legge è dunque proporzionato.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1