Legge COVID-19: tutti dicono sì tranne l’UDC

Svizzera

Se venisse respinta, sostiene un comitato interpartitico, c’è il timore che gli aiuti finanziari non possano più essere ristabiliti

Legge COVID-19: tutti dicono sì tranne l’UDC
© CdT/Chiara Zocchetti

Legge COVID-19: tutti dicono sì tranne l’UDC

© CdT/Chiara Zocchetti

Un comitato interpartitico ha messo in guardia oggi da un «no» alla Legge COVID-19: se venisse respinta, non è assolutamente chiaro se gli aiuti finanziari potranno essere rapidamente ristabiliti.

Il 13 giugno il popolo sarà chiamato a esprimersi sulla Legge federale sulle basi legali delle ordinanze del Consiglio federale volte a far fronte all’epidemia di COVID-19 (Legge COVID-19). Partito socialista, Partito liberale radicale, Alleanza del Centro (ex PPD), Verdi, Verdi liberali e Partito evangelico, sostengono insieme la campagna per un sì a questa legge, mentre l’UDC ha deciso di lasciare libertà di voto.

«Lottiamo da oltre un anno contro la più grande sfida degli ultimi decenni», ha detto il presidente di Alleanza del Centro e consigliere nazionale Gerhard Pfister (ZG) in una conferenza stampa oggi a Berna. La Legge COVID-19 è «elemento centrale» per affrontare la crisi.

«Fine degli aiuti finanziari»

La legge ha permesso di aiutare «il più rapidamente possibile» imprese, dipendenti e lavoratori autonomi. Essa è «efficace» e «essenziale» per assicurare la sopravvivenza di molti. «Senza la legge, non c’è più aiuto ai casi di rigore e nessuna indennità per lavoro ridotto», ha detto Pfister. Se e come questi aiuti possano essere ripresi non è assolutamente chiaro, ha detto.

La copresidente del PS e consigliera nazionale Mattea Meyer (ZH) ha ricordato che il Consiglio federale ha promesso che «nessuno sarebbe stato lasciato solo» nella crisi del coronavirus. Con la legge, questa promessa viene mantenuta. «Le misure di ammortizzazione economica sono al centro della legge COVID-19», ha detto. Non si tratta di dove debba essere indossata una mascherina - e dove no, ha detto.

Malcontento tra la popolazione

«Ciò che mi preoccupa di più è il fatto che il malcontento e la frustrazione stiano aumentando tra la popolazione», ha detto il capogruppo del PLR alle Camere federali e consigliere nazionale Beat Walti (ZH). «Penso che sia pericoloso». Ma un no alla legge COVID-19 non significa che le restrizioni saranno eliminate, ha aggiunto.

La consigliera nazionale Regula Rytz (Verdi/BE) ha avvertito che senza la legge COVID-19, decine di migliaia di persone andrebbero in assistenza sociale.

La consigliera nazionale PEV Lilian Studer (BE) ha ricordato l’importanza della legge per il settore culturale. Si tratta di molte persone con bassi stipendi che vivrebbero di stenti, ha detto. Nello sport, senza sostegno finanziario, la promozione dei giovani talenti e delle donne sarebbe probabilmente la prima cosa ad essere messa in pericolo.

Anche la «difficoltà di coloro che lavorano nei media» sarebbe aggravata senza aiuti finanziari, ha detto la consigliera nazionale Melanie Mettler (Verdi liberali/BE). I media stanno lottando con problemi strutturali da anni.

Diritto di necessità e legge sulle epidemie

Per mitigare le conseguenze della crisi del coronavirus, il Consiglio federale ha adottato una serie di misure. Poiché la legge sulle epidemie non fornisce una base giuridica per tutte le misure adottate, il Consiglio federale ha dovuto ricorrere al diritto di necessità. Questo è previsto dalla Costituzione.

Tuttavia, tale diritto di necessità è limitato a sei mesi. Per poter proseguire le misure, il Consiglio federale e il Parlamento hanno elaborato la legge COVID-19. Il Parlamento ha approvato la legge con procedura urgente alla fine di settembre ed è entrata in vigore immediatamente. Scade alla fine di quest’anno.

L’«Associazione degli amici della Costituzione» ha lanciato un referendum contro la legge. Gli oppositori sostengono che le competenze in materia di diritto di necessità del Consiglio federale non dovrebbero essere legittimati retroattivamente durante la pandemia. Criticano anche la rapida approvazione di nuovi farmaci e l’appello alla vaccinazione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1