Legge sul CO2: Economiesuisse lancia una campagna per la revisione

Votazioni federali

Secondo la direttrice di economiesuisse Monika Rühl l’oggetto in votazioni il prossimo 13 giugno «crea condizioni quadro affidabili e liberali»

Legge sul CO2: Economiesuisse lancia una campagna per la revisione
© KEYSTONE/Alessandro Della Bella

Legge sul CO2: Economiesuisse lancia una campagna per la revisione

© KEYSTONE/Alessandro Della Bella

La revisione della legge sul CO2 offre grandi opportunità, promuove l’innovazione, attrae gli investimenti e assicura lavoro in Svizzera. Con questi argomenti oltre 200 associazioni economiche e aziende, riunite in una vasta alleanza, hanno lanciato oggi a Berna la campagna a favore della revisione, in votazione il prossimo 13 giugno.

«Con innovazioni e tecnologie efficienti, l’economia svizzera può contribuire in maniera significativa a ridurre i gas serra e quindi a risolvere il problema climatico», ha affermato la direttrice di economiesuisse, Monika Rühl, nel corso di una conferenza stampa a Berna. A suo avviso la legge sul CO2 crea condizioni quadro affidabili e liberali.

Una politica climatica ed energetica a lungo termine «deve garantire la sicurezza della pianificazione e degli investimenti, in modo tale da preservare la competitività della piazza economica svizzera e mantenere la produzione industriale nel nostro paese», ha aggiunto Matthias Halusa, Ceo del gruppo chimico BASF Svizzera SA.

Risanamento di edifici scarso

I rappresentanti del mondo economico hanno sottolineato i benefici del meccanismo incentivante. Il fondo per il clima - hanno spiegato - servirà agli investimenti nella protezione del clima, come ad esempio il finanziamento di reti di teleriscaldamento o la creazione di stazioni di ricarica per auto elettriche. Sostiene anche il risanamento di edifici e di nuovi immobili oltre a sistemi di riscaldamento senza emissioni di CO2. Secondo Christoph Schaer, direttore di suissetec e membro di costruzionesvizzera, si tratta di interventi urgenti visto il basso tasso di risanamento attuale.

Grazie a questo fondo inoltre le imprese svizzere ricevono garanzie per introdurre più rapidamente sul mercato tecnologie ecologiche e questo stimolerà la piazza produttiva e la ricerca svizzera. La consigliera nazionale Jacqueline de Quattro (VD/PLR), membro dell’Agenzia per le energie rinnovabili e l’efficienza energetica (AEE) ha insistito sull’importanza di queste fonti energetiche. «Nei prossimi anni e decenni, dovremo sostituire molta energia fossile nel settore dei trasporti e dell’edilizia. È una grande sfida, che può essere affrontata soltanto con un rapido sviluppo e l’uso di tutte le energie rinnovabili nazionali», ha detto.

Nuove tecnologie per investimenti sostenibili

L’accento sulle nuove tecnologie, che contraddistingue la legge, avrà un impatto anche sui servizi finanziari, che saranno spinti ad offrire sempre più prodotti sostenibili, secondo Jörg Gasser, Ceo dell’Associazione svizzera dei banchieri.

L’economia svizzera - hanno promesso gli oratori - metterà in campo tutte le energie affinché questo trovi una chiara maggioranza il 13 giugno. Anche in vista della prossima conferenza globale sul clima, che si terrà a Glasgow in novembre, un chiaro sì alla revisione della legge sul CO2 sarebbe un forte segnale della Svizzera verso la comunità internazionale, hanno fatto notare.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1