Leuthard: «Coronavirus, la Svizzera ha reagito in ritardo»

crisi

Secondo l’ex consigliera federale il lockdown è arrivato due settimane troppo tardi ma il Governo nel complesso ha fatto un buon lavoro

Leuthard: «Coronavirus, la Svizzera ha reagito in ritardo»
KEYSTONE/Alessandro della Valle

Leuthard: «Coronavirus, la Svizzera ha reagito in ritardo»

KEYSTONE/Alessandro della Valle

Secondo Doris Leuthard, la Svizzera ha reagito troppo tardi alla crisi del coronavirus. Il lockdown è avvenuto con dieci giorni - due settimane di ritardo, ha dichiarato l’ex consigliera federale all’emittente televisiva CNN Money Switzerland.

Nell’intervista, che è stata condotta in inglese, la 57enne ha detto che il governo ha nel complesso fatto un buon lavoro nell’attuare le misure per lottare contro il virus. La politica avrebbe però dovuto reagire prima. «Con il senno di poi si è sempre più saggi», ha però relativizzato Leuthard. La Svizzera, ha aggiunto, uscirà «ben posizionata» dalla crisi, anche se il recupero richiederà tempo.

Doris Leuthard è stata in Consiglio federale dal 2006 alla fine del 2018, prima come ministra dell’economia, poi come responsabile del Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC). Dopo le sue dimissioni, ha assunto diversi mandati in consigli di amministrazione, tra cui presso il dettagliante Coop e il costruttore ferroviario Stadler Rail.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1