Linguaggio di genere: SRF usa segni diversi per includere tutti i sessi

discriminazioni

La radiotelevisione svizzerotedesca SRF ha deciso di rinunciare all’utilizzo dell’asterisco di genere nei suoi programmi tradizionali e introduce i due punti laddove ci si rivolge a un pubblico giovane

Linguaggio di genere: SRF usa segni diversi per includere tutti i sessi
©Shutterstock.com

Linguaggio di genere: SRF usa segni diversi per includere tutti i sessi

©Shutterstock.com

La radiotelevisione svizzerotedesca SRF ha deciso di rinunciare all’utilizzo dell’asterisco di genere nei suoi programmi tradizionali. Sulle reti sociali ricorre invece ai due punti per includere tutti i sessi.

Formulazioni quali «Parlamentarier:innen» e «Politiker:innen» saranno usate solo laddove ci si rivolge a un pubblico giovane, che è più abituato al linguaggio di genere, si legge in una presa di posizione pubblicata oggi dall’ombudsman della SSR Svizzera tedesca. Quest’ultimo reagisce a diverse critiche sul ricorso al linguaggio inclusivo da parte dell’emittente.

Nei programmi radiofonici e televisivi SRF intende utilizzare se possibile entrambe le forme («Politikerinnen und Politiker») o formulazioni neutrali quali «Demonstrierende».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Un detective per il ricatto a Berset

    Berna

    Un investigatore federale speciale dovrebbe indagare su una possibile violazione del segreto d’ufficio nel caso di un tentativo di estorsione contro il consigliere federale

  • 2

    Test COVID a pagamento: sarà battaglia in Parlamento

    Pandemia

    Il PLR accoglie favorevolmente l’annuncio del Consiglio federale di volersi attenere alla sua decisione di rendere i test a pagamento dal primo ottobre per le persone asintomatiche, ma Verdi, Alleanza del Centro, UDC e Verdi liberali non ci stanno

  • 3

    Bimba rischia di annegare e muore in ospedale

    Bienne

    Il bagnino della piscina e alcune persone hanno iniziato i tentativi di rianimazione, che sono proseguiti dai paramedici al nosocomio, ma nonostante le cure prestate la piccola di otto anni non ce l’ha fatta

  • 4
  • 5

    Parmelin «condanna senza riserve» i disordini di Berna

    contro le misure covid

    La manifestazione non autorizzata con oltre 3 mila persone andata in scena ieri sera davanti a Palazzo federale non è andata giù al presidente della Confederazione – La polizia è dovuta intervenire con cannoni ad acqua, proiettili di gomma e gas irritanti

  • 1
  • 1