«Ma sul serio?», l’UFSP punta sull’ironia per convincere i giovani

PANDEMIA

Il tasso di copertura vaccinale per la COVID-19 tra i giovani ha ancora un forte potenziale – Berna punta quindi su TikTok, Youtube e Instagram con video brevi e ironici

«Ma sul serio?», l’UFSP punta sull’ironia per convincere i giovani
© UFSP

«Ma sul serio?», l’UFSP punta sull’ironia per convincere i giovani

© UFSP

Con «video divertenti» sui social media, l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha lanciato oggi una campagna per motivare adolescenti e giovani adulti a vaccinarsi contro il SARS-CoV-2.

Secondo l’UFSP, il tasso di copertura vaccinale per la COVID-19 tra i giovani ha ancora un forte potenziale, ha spiegato Virginie Masserey, a capo della sezione di controllo delle infezioni, in occasione di una conferenza online. Finora - ha precisato - il 40,6% dei giovani dai 12 ai 19 anni ha ricevuto la prima dose e il 27% entrambe; quote che salgono rispettivamente a 56 e 46% fra i giovani tra i 20 e i 29 anni.

La vaccinazione per il coronavirus non porta solo benefici per la salute, ma anche vantaggi sociali; «permette ai ragazzi di tornare alla normalità», ha detto Masserey. La vita quotidiana diventa più facile, che sia per uscire la sera o per viaggiare. Tanto più che da ieri è necessario un certificato COVID per i giovani dai 16 anni in su per visitare molti luoghi chiusi. Inoltre anche le conseguenze psicologiche della pandemia vengono ridotte, ad esempio con l’eliminazione della quarantena.

I tre brevi filmati diffusi su TikTok, Youtube e simili hanno quindi lo scopo di placare le paure «diffuse» nella fascia di età in questione. Le clip mostrano giovani protagonisti che compiono varie azioni che vanno a finire male, enfatizzando l’autoironia. Ciò per mostrare loro che dovrebbero anche osare a farsi vaccinare.

È raro che i ragazzi sviluppino forme gravi di COVID-19, ma anche loro dovrebbero essere protetti dagli effetti della malattia, in particolare per la Long COVID, ha sottolineato Masserey. Inoltre chi è immunizzato non solo ha meno probabilità di trasmettere il virus ma vede ridursi anche lo sviluppo di altre varianti del virus. E ora, con l’avvicinarsi dell’autunno e dell’inverno, è un buon momento per farsi vaccinare.

Il costo della campagna è 230.000 franchi, il 70% dei quali per la diffusione dei video-clip sulle reti sociali. Dal 5 ottobre la campagna sarà poi anche trasmessa attraverso i canali tradizionali. L’UFSP, che dalla fine di agosto raccomanda la vaccinazione a tutti i ragazzi di età superiore ai 12 anni, ha in previsione altre campagne.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1