Marchand: «Più web, meno radio e tv»

SSR-SRG

La metà dei contenuti sarà presto offerta tramite canali internet - Per il direttore generale «è un’aspettativa strategica»

Marchand: «Più web, meno radio e tv»
Gilles Marchand ©CdT/Archivio

Marchand: «Più web, meno radio e tv»

Gilles Marchand ©CdT/Archivio

Presto la SSR offrirà i suoi contenuti per la metà nei tradizionali programmi radiotelevisivi, per l’altra metà sul web: lo afferma il direttore generale Gilles Marchand, che respinge anche le critiche di chi accusa l’ente di rafforzare i grandi gruppi internazionali, diffondendo i suoi prodotti su piattaforme come Facebook, Instagram, Twitter o Youtube.

Il rapporto 50:50 fra fruizione reale e internet «non rappresenta un calcolo preciso o una definizione quantitativa di un obiettivo», spiega Marchand in un’intervista pubblicata oggi dal portale informativo Infosperber. «È un’aspettativa strategica: fra tre, quattro o cinque anni l’uso dell’offerta audiovisiva avrà raggiunto questo rapporto». La quota dell’offerta digitale diventerà sicuramente più ampia, quella lineare invece calerà: è però ancora troppo presto per dire in modo preciso come avverrà la contrazione.

«La divisione 50:50 è una questione del consumo reale: rappresenta semplicemente quanto avviene nel nostro nuovo mondo», spiega l’ex direttore della radiotelevisione romanda RTS. «Oggi viviamo in un mondo à la carte, in cui le persone scelgono il media, il tipo di informazione e i tempi del consumo. Non sto dicendo che questo è giusto o sbagliato. È semplicemente un dato di fatto.»

Marchand sottolinea che la SSR vuole promuovere uno scambio delle idee a cavallo fra le regioni linguistiche. Come progetto innovativo firmato RSI il manager cita per esempio Wetube, lo spazio approntato a Besso per i giovani creativi digitali ticinesi.

Riguardo alla possibilità che la SSR si ritiri completamente dal mercato della pubblicità, puntando solo sul canone, Marchand ricorda che attualmente il finanziamento è duale: «non rientra nelle mie competenze definire il modello, è una discussione politica». Oggi gli introiti pubblicitari ammontano a 170 milioni: se dovessero scomparire sarebbero necessarie compensazioni.

La SSR in Svizzera sembra molto grande, ma rispetto ai concorrenti è piccola, prosegue il dirigente con studi in sociologia. «Siamo in concorrenza con i canali tedeschi, francesi, italiani, Netflix, Amazon, Disney e altre piattaforme. E ora stiamo raggiungendo finanziariamente un punto in cui sarà difficile lottare, in questa piccola Svizzera che lavora con quattro lingue».

All’intervistatore che chiede perché la SSR, che insieme ai media privati si lamenta della concorrenza sul fronte pubblicitario operata da grandi gruppi internazionali, offre contenuti sui media sociali, Marchand risponde che l’azienda vuole e deve cercare il pubblico lì dove si trova. Ad esempio l’impresa non riceve soldi da Facebook per i contenuti: «utilizziamo queste piattaforme per raggiungere il nostro pubblico con buoni contenuti di servizio pubblico», insiste il 58enne.

In generale la produzione dei programmi si farà comunque in modo indipendente dal canale di distribuzione. «Si ragionerà in temi, piuttosto che in canali». Un esempio in tal senso sono le elezioni federali: vi saranno sempre trasmissioni radiotelevisive, ma in più esisterà un’offerta online con cifre e grafici che renderà possibile una fruizione dell’informazione migliore e più approfondita, conclude Marchand.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1