Mascherine svizzere che si disinfettano da sole per Singapore

pandemia

La città-stato ha firmato un contratto per l’acquisto di 500 mila protezioni in tessuto antivirale prodotte da una ditta di Zugo, la Livinguard

Mascherine svizzere che si disinfettano da sole per Singapore
© EPA/WALLACE WOON

Mascherine svizzere che si disinfettano da sole per Singapore

© EPA/WALLACE WOON

Mascherine svizzere che si disinfettano da sole per Singapore: la città-stato ha firmato un contratto per l’acquisto di 500’000 protezioni in tessuto antivirale prodotte da una ditta di Zugo, la Livinguard.

La notizia - riferisce oggi il quotidiano economico romando L’Agefi - è stata annunciata mercoledì da Ho Ching, la presidente della direzione il fondo sovrano di Singapore Temasek, sposata con l’attuale primo ministro Lee Hsien Loong. Su Facebook la manager si è rallegrata del fatto che la mascherina con proprietà antivirali abbia una durata di vita di 6-7 mesi, con un lavaggio alla settimana.

«Mentre rimettiamo in carreggiata la nostra economia, attueremo vari test e misure di protezione per garantire che siamo in grado di identificare eventuali casi di Covid-19 che emergono nella nostra comunità», afferma Ho Ching. «Ci troviamo all’alba di una situazione migliore, con nuove capacità».

Il primo lotto di mezzo milione di pezzi è stato consegnato negli scorsi giorni a Singapore, nazione di 5,6 milioni di abitanti. «Entro un anno è possibile che ognuno di loro abbia la propria», afferma Ankit Mital, responsabile della regione Asia-Pacifico per Livinguard, in dichiarazioni riportate dall’Agefi.

«Le discussioni con la fondazione Temasek sono iniziate in aprile. Siamo stati in grado di fornire la prova scientifica dell’efficacia della nostra invenzione e della sua non pericolosità per gli esseri umani», spiega Mital. L’impresa sottolinea come le proprietà autodisinfettanti rendono il prodotto durevole, invece che un bene di consumo. «Quasi 200 miliardi di maschere e guanti vengono gettati via ogni mese», fa notare Mital.

La tecnologia autodisinfettante viene utilizzata anche negli impianti di condizionamento dell’aria o per i tamponi sanitari riutilizzabili. Sono in corso discussioni per l’applicazione ai sedili degli aerei.

Fondata nel 2011, Livinguard impiega quasi un centinaio di persone in tutto il mondo. Le sue mascherine sono realizzate in dodici paesi. Il prezzo di vendita in Svizzera è di 25 franchi. L’azienda non rivela il suo fatturato

Livinguard - sottolinea l’Agefi - non è l’unica azienda svizzera a posizionarsi nella nicchia di mercato delle maschere autodisinfettanti. L’azienda zurighese HeiQ commercializza una soluzione che fa capo a micro-particelle d’argento, mentre la start-up vodese Swoxid vuole vendere una maschera con un aerogel che ha effetto sterilizzante grazie all’esposizione alla luce ultravioletta.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Armi: giro di vite sull’export

    controprogetto

    Il Consiglio federale sta elaborando una controproposta all’iniziativa che chiede uno stop alla vendita di materiale bellico in Paesi che violano i diritti umani: previsti inasprimenti ma anche deroghe — I promotori arricciano il naso : «Una cosa è chiara: non accetteremo nessuna nuova scappatoia»

  • 2

    Stop agli interventi chirurgici secondari a Ginevra

    coronavirus

    La grande paura è quella di essere sommersi dall’afflusso di malati ed essere costretti a scegliere chi curare e chi abbandonare al proprio destino - «Non vogliamo trovarci nella condizione primaverile della Lombardia», ha affermato il direttore dell’Ospedale universitario ginevrino

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1