Media, cosa c’è nel pacchetto

Votazioni

Il 13 febbraio si decide sulle nuove misure di sostegno ai mezzi d’informazione – Previsto un finanziamento aggiuntivo di 151 milioni di franchi sotto forma di aiuti indiretti e diretti – Le ragioni dei favorevoli e quelle dei contrari, che hanno promosso il referendum

Media, cosa c’è nel pacchetto
© CdT/ Chiara Zocchetti

Media, cosa c’è nel pacchetto

© CdT/ Chiara Zocchetti

Chiusure di testate, calo della pubblicità, perdita di abbonati, problemi finanziari. Il settore dei media è in difficoltà. Governo e Parlamento vogliono sostenerlo tramite un pacchetto di aiuti, in nome della pluralità dell’informazione e della copertura mediatica in tutte le regioni. Ma l’operazione è contestata da chi ritiene che gli aiuti di Stato minino l’indipendenza della stampa e distorcano la concorrenza.

1) Che cosa prevede il pacchetto e perché si va a votare?Governo e Parlamento vogliono potenziare il sostegno ai media (giornali, radio e Tv locali, siti d’informazione a pagamento) con un contributo annuale massimo di 151 milioni di franchi. Il testo comprende anche il sostegno alle agenzie di stampa, che mettono a disposizione di altri media informazioni da tutta la Svizzera, e...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1