Merlani: «La situazione è seria, va tenuta alta la guardia»

Pandemia

La riflessione del medico cantonale sull’aumento di contagi in Svizzera: «La popolazione deve rispettare le regole, ultimamente un po’ trascurate nel solco dell’entusiasmo estivo e delle progressive riaperture»

 Merlani: «La situazione è seria, va tenuta alta la guardia»
©CdT/Gabriele Putzu

Merlani: «La situazione è seria, va tenuta alta la guardia»

©CdT/Gabriele Putzu

I contagi in Svizzera negli ultimi giorni sono aumentati, superando i 60 casi giornalieri: 69 sabato, 62 domenica. Proprio ieri il direttore dell’UFSP Pascal Strupler ha definito «preoccupante» questa tendenza al rialzo. Per capire l’andamento dei contagi in corso nel nostro Paese abbiamo chiesto il parere del medico cantonale Giorgio Merlani. Interpellato dal CdT, il dottor Merlani ha dichiarato: «Abbiamo preso atto di un modesto, tuttavia costante e continuo aumento di nuove infezioni in Svizzera, con focolai in vari cantoni. Come già avuto occasione di ribadire a più riprese, il virus non è scomparso e la sua diffusione tra la popolazione dipende dal rispetto delle norme, dalla mobilità aumentata e dalle aperture adottate. Seppur non vi sia motivo di allarme al momento attuale, la situazione è seria e viene monitorizzata, e deve motivare tutti a tenere alta la guardia. La popolazione va richiamata sul rispetto delle norme accresciute di igiene e della distanza sociale, recentemente un po’ trascurate nel solco dell’entusiasmo estivo e delle progressive riaperture».


©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1