Migros e Nespresso assieme per il riciclaggio delle capsule

svizzera

Il supermercato lancia il Café Royal in alluminio e unisce le forze con il produttore di caffè per aumentare le possibilità di riconsegna e smaltimento dei prodotti

Migros e Nespresso assieme per il riciclaggio delle capsule
© Shutterstock

Migros e Nespresso assieme per il riciclaggio delle capsule

© Shutterstock

Migros passa all’alluminio riciclabile nella produzione delle sue capsule Café Royal, compatibili con Nespresso. Quest’ultimo gestisce da 29 anni un proprio sistema di riciclaggio per le capsule in alluminio e così le due imprese uniscono da subito le loro forze per elevare al 75% il tasso di riciclaggio di capsule in alluminio in Svizzera, attualmente pari al 58%. Ora è possibile riconsegnare le capsule anche presso 700 filiali Migros in tutto il Paese, in aggiunta ai 2.700 punti di riciclaggio Nespresso già esistenti.

Le capsule di caffè in alluminio sono sempre più apprezzate, in quanto il materiale permette di preservare l’aroma del caffè in modo ottimale ed è riciclabile al 100%. La cooperazione tra Migros e Nespresso, inoltre, contribuirà ad accrescere ulteriormente il tasso di riciclaggio in Svizzera e a promuovere un’economia circolare.

Ancora più punti di riconsegna per le capsule in alluminio usate

Dal 1991, il sistema di riciclaggio appositamente sviluppato da Nespresso consente, in Svizzera, di riutilizzare le capsule in alluminio. Ora quindi riciclerà anche le capsule di caffè in alluminio di Café Royal.

Migros, con grande sforzo logistico, ha riorganizzato tutte le sue circa 700 filiali, dotandole di nuovi punti per il riciclaggio di capsule in alluminio. Grazie ad un nuovo punto di consegna lungo la parete dedicata al riciclaggio, è da subito possibile restituire tutte le capsule di caffè in alluminio, e quindi anche le capsule Nespresso, presso qualunque filiale in Svizzera.

Delica, azienda di torrefazione di Migros, ha già compiuto questo passaggio per le capsule Café Royal compatibili con Nespresso in altri mercati quali Germania e Francia. «Ci tenevamo ad assumerci la responsabilità per l’ambiente e al contempo ad offrire alle consumatrici e ai consumatori una soluzione per il riciclaggio semplice e intuitiva. Con Nespresso possiamo contare su un partner ideale che mette a disposizione una solida struttura per il riciclaggio», spiega Hubert Lehnard, responsabile del progetto alla Delica.

Chiudere il ciclo

«Affinché la sostenibilità sia efficace su larga scala, è necessario condividere tecnologie ed esperienze andando oltre i confini dell’impresa», aggiunge Niels Kuijer, Business Director Svizzera, sottolineando la filosofia di Nespresso. «Questa partnership è un grande passo per l’industria in termini di perseguimento comune degli obiettivi, gestione responsabile delle risorse e promozione del ciclo delle materie prime. Siamo molto lieti di accogliere Café Royal come primo utente del sistema di riciclaggio in Svizzera e invitiamo altri fornitori a seguirne l’esempio». Nella procedura di riciclaggio delle capsule, l’alluminio viene separato dal caffè e sottoposto a successiva lavorazione. Mentre una parte delle capsule in alluminio raccolte oggi in Svizzera è usata per produrre nuove capsule di questo materiale, l’alluminio recuperato può essere impiegato anche nell’industria, ad esempio per creare strutture per finestre, biciclette o auto. Con i fondi di caffè invece viene prodotto biogas o concime naturale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1