Mini lockdown nel canton Berna

CORONAVIRUS

Il governo ha deciso lo stop agli assembramenti di oltre 15 persone e la chiusura dei ristoranti dalle 23 alle 6

Mini lockdown nel canton Berna
© KEYSTONE/Marcel Bieri

Mini lockdown nel canton Berna

© KEYSTONE/Marcel Bieri

Il cantone di Berna adotta drastiche misure per combattere la diffusione del coronavirus: il consiglio di Stato ha oggi deciso una serie di divieti tra cui eventi pubblici o privati con oltre 15 persone e reso obbligatorio l’uso della mascherina anche in determinati luoghi all’aperto. Le nuove disposizioni entrano in vigore dalla mezzanotte di oggi e varranno inizialmente per quattro settimane.

Nello sport professionistico - come nel canton Vallese - gli eventi si svolgeranno a porte chiuse senza spettatori, ha detto in conferenza stampa consigliere di Stato responsabile della sanità Pierre Alain Schnegg (UDC). Finora erano ammessi 1000 spettatori.

L’esecutivo vieta inoltre eventi pubblici e privati con oltre 15 persone, impone il coprifuoco al settore gastronomico dalle 23.00 alle 6.00. Da lunedì inoltre nei ristoranti potranno essere sedute a un tavolo non più di quattro persone: un numero superiore sarà permesso solo se appartenenti alla stessa economia domestica. Dovranno invece completamente chiudere bar, club e discoteche, nonché strutture accessibili al pubblico come musei, cinema, biblioteche e centri sportivi e di fitness. Anche le fiere e le esposizioni sono vietate.

Gli eventi nella cerchia famigliare o di amicizie per i quali sono già stati presi degli impegni, possono comunque svolgersi nel fine settimana con più di 15 persone.

Infine a partire da domani viene esteso l’obbligo di indossare le mascherine sotto i portici e nelle aree coperte degli edifici pubblici. Sempre da domani bisognerà portare la mascherina anche ai mercati.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Vaccino influenzale quasi tutto riservato

    sanità

    La seconda fornitura è in distribuzione ma per il momento resta la precedenza alle categorie a rischio – Giovan Maria Zanini: «Abbiamo chiesto uno stock d’emergenza»

  • 2

    Le sfide di un comprensorio sciistico binazionale

    vallese

    Les Portes du Soleil al confine franco-svizzero sarà confrontato con misure sanitarie diverse con impianti chiusi da una parte e aperti dall’altra - Si prevede una navetta per recuperare i clienti francesi ma il governo vallesano non ci sta

  • 3
  • 4
  • 5

    Coronavirus, insegnanti romandi al limite

    scuole

    I sindacati chiedono più risorse per il settore confrontatao a misure sanitarie, occuparsi degli allievi malati o in quarantena, colmare le assenze dei colleghi, seguire i sostituti o formarsi per palleggiare la tecnologia

  • 1
  • 1