Molte compagnie bloccano i voli verso l’Italia, Swiss per ora aspetta

coronavirus

La compagnia ha indicato che sta «seguendo la situazione», per ora sono state soltanto ridotte le frequenze dei voli per Firenze, Milano, Roma e Venezia

Molte compagnie bloccano i voli verso l’Italia, Swiss per ora aspetta
© KEYSTONE/Laurent Gillieron

Molte compagnie bloccano i voli verso l’Italia, Swiss per ora aspetta

© KEYSTONE/Laurent Gillieron

Mentre diverse compagnie aeree hanno sospeso oggi i voli per l’Italia, Swiss non ha ancora previsto una misura simile. Le frequenze dei voli per Firenze, Milano, Roma e Venezia sono tuttavia già state ridotte.

Contattata da Keystone-ATS, la compagnia ha indicato che sta «seguendo la situazione». Venerdì il gruppo Lufthansa, che controlla Swiss, aveva annunciato che avrebbe ridotto la sua capacità di volo a causa di una drastica riduzione delle prenotazioni, dovuta allo scoppio del covid-19.

Swiss ha già sospeso i voli per Tel Aviv, in Israele, fino al 28 marzo, dopo che il ministero israeliano della sanità ha vietato l’entrata nel Paese a tutti i passeggeri provenienti dalla Svizzera. Sono interessati circa 13’000 passeggeri. Swiss ha pure prorogato fino al 24 aprile la sospensione dei voli tra Zurigo, Pechino e Shanghai.

La compagnia aerea irlandese Ryanair ha annunciato oggi la sospensione di tutti i suoi voli da e per l’Italia fino all’8 aprile. British Airways ha fatto lo stesso, ma solo per la giornata odierna, mentre Easyjet si accontenta di mantenere una manciata di voli nei prossimi giorni.

Sempre oggi, il governo spagnolo ha deciso di vietare tutti i voli tra Italia e Spagna fino al 25 marzo per limitare la diffusione del covid-19.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Vaud e Vallese via dalla lista belga

    Zone a rischio contagio

    Lo ha fatto sapere in serata il consigliere federale Ignazio Cassis su Twitter - Il canton Ginevra rimane però nell’elenco

  • 2

    Se il postino passasse due volte (alla settimana)

    In futuro

    In base ad una proposta avanzata da Avenir Suisse, le consegne andrebbero fatte solo ogni tre giorni - Per il sindacato non ha più senso una distribuzione quotidiana - Non poche le voci criticissime, fra cui quella di Marco Romano - Altrove è già realtà

  • 3
  • 4
  • 5

    Nuvole all’orizzonte per il sistema pensionistico

    previdenza

    Complice la pandemia, secondo UBS lo stato di salute del sistema svizzero è negativo come non lo era da almeno 15 anni: nel secondo trimestre l’indice si attesta a un valore compreso tra -1 e 1,5

  • 1
  • 1