Nei Grigioni le stazioni sciistiche rimarranno aperte fino a fine stagione

pandemia

La decisione odierna del Governo retico è dettata dalla valutazione della situazione epidemiologica e dall’esteso piano di test a tappeto in atto

Nei Grigioni le stazioni sciistiche rimarranno aperte fino a fine stagione
© Keystone/Gian Ehrenzeller

Nei Grigioni le stazioni sciistiche rimarranno aperte fino a fine stagione

© Keystone/Gian Ehrenzeller

(Aggiornato alle 11.28) Le stazioni sciistiche dei Grigioni rimarranno aperte sino alla fine della stagione invernale in corso. Il Governo dei Grigioni ha concesso il relativo permesso.

La decisione comunicata oggi dal Governo retico è dettata dalla valutazione della situazione epidemiologica e dall’esteso piano di test a tappeto in atto nei Grigioni. L’analisi dei dati risultati dai test pilota di massa ha dimostrato che la pandemia può essere contenuta grazie all’applicazione di questa metodologia di controllo regolare.

L’Esecutivo ricorda che sta calando il numero di persone in isolamento nel Cantone dei Grigioni. Inoltre, il numero medio settimanale di nuove infezioni al giorno continua a diminuire. È diminuito anche il determinante valore di riproduzione.

Stazioni sciistiche aperte senza effetti negativi

Secondo il Governo l’esperienza degli ultimi mesi ha dimostrato che l’aver tenuto aperte gli impianti sciistici sciistiche non ha provocato effetti negativi. Gli ospiti hanno potuto usufruire di un’adeguata distribuzione sulle piste e hanno fatto uso delle varie offerte. Di conseguenza è stato possibile evitare momenti di affollamento che avrebbero aumentato il rischio di infezione da COVID-19.

Il Governo evidenzia inoltre che le stazioni sciistiche hanno svolto bene il loro dovere evitando in gran parte gli assembramenti inopportuni.

Ora il Governo retico intende valutare costantemente l’ulteriore sviluppo delle condizioni epidemiologiche e dichiara: «Dovessero verificarsi dei cambiamenti significativi rispetto alla situazione attuale, vi è il rischio che le aziende che gestiscono gli impianti di risalita si vedano revocato il permesso cantonale».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1