Nel canton Zurigo le terapie intensive sono piene

Pandemia

All’ospedale universitario il grado di occupazione raggiunge il 98%

Nel canton Zurigo le terapie intensive sono piene
© Shutterstock

Nel canton Zurigo le terapie intensive sono piene

© Shutterstock

A causa della nuova ondata di coronavirus, nel canton Zurigo i reparti di terapia intensiva sono attualmente saturi. All’ospedale universitario di Zurigo il grado di occupazione raggiunge ad esempio il 98%. Anche nel cantone più popoloso si registra intanto un caso sospetto della nuova variante Omicron.

Ieri non c’erano più letti liberi nelle cure intense, ha detto ai microfoni di Radio SRF Peter Steiger, vicedirettore dell’Istituto di terapia intensiva all’ospedale universitario.

«È stato davvero brutto», ha detto Steiger. «Come tutti gli altri ospedali, eravamo completamente occupati. E non è stato possibile trasferire i pazienti in un altro ospedale».

Attualmente sono 177 i pazienti COVID ricoverati in un ospedale del canton Zurigo. Il loro numero è più che raddoppiato in un mese. Secondo gli ultimi dati del Dipartimento cantonale della sanità , 42 pazienti sono in terapia intensiva e 24 necessitano di ventilazione polmonare.

Il Dipartimento ha annunciato oggi 1.543 nuovi casi di coronavirus nel cantone, compreso un caso sospetto della nuova variante Omicron che deve ancora essere confermato dal sequenziamento.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 2

    Long COVID, dure critiche al Consiglio federale e all’UFSP

    svizzera

    Secondo l’organizzazione di categoria ancora dopo due anni i responsabili preferiscono non quantificare la portata delle conseguenze a lungo termine del virus, in questo modo alcune vittime della pandemia sono ignorate o accettate come danni collaterali

  • 3
  • 4

    Impennata nei casi di epatite E a inizio 2021

    Sanità

    In Svizzera i dati sono triplicati rispetto alla media degli anni precedenti - Le indagini condotte dall’Ufficio federale della sanità pubblica non hanno permesso di identificare la causa del fenomeno - È stato dimostrato però che le infezioni sono causate da un sottotipo del virus predominante negli allevamenti di suini

  • 5
  • 1
  • 1