Nelle pieghe dell’affaire Maudet

Il caso

Enfant prodige della politica, ex candidato al CF e consigliere di Stato ginevrino entro fine anno sarà rinviato a giudizio per un viaggio controverso ad Abu Dhabi – I tanti risvolti di una vicenda che gli è già costata l’espulsione dal suo partito

Nelle pieghe dell’affaire Maudet

Nelle pieghe dell’affaire Maudet

Era l’enfant prodige della politica ginevrina, ne è diventato il peso morto. Travolto da una singolare, e per certi versi incredibile, vicenda giudiziaria, Pierre Maudet andrà a processo per un breve viaggio ad Abu Dhabi nel novembre 2015. I quattro spensierati giorni trascorsi nel faraonico emirato, stando ai risultati dell’inchiesta, chiusa a fine giugno, delineano il reato di «accettazione di vantaggi». Il politico, che comparirà in tribunale al più tardi a fine autunno, è stato informato nelle scorse settimane dalla Procura di Ginevra.

Il preavviso giudiziario è accompagnato da un avvertimento: se emergeranno fatti nuovi, oltre che per il fascicolo scottante di Abu Dhabi, un secondo processo sarà aggiornato anche per le stupefacenti vicende che hanno visto il ministro coinvolto a Ginevra....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1