Non muore il condono parziale per gli affitti commerciali

camere

Il Nazionale tiene in vita il disegno di legge che prevede sconti sulle pigioni per chi nel lockdown ha dovuto chiudere — Con la seconda ondata il tema torna di attualità — Inquilini soddisfatti — Chiesa: «Non soluzione e ingerenza nel diritto privato»

Non muore il condono parziale per gli affitti commerciali
In primavera le saracinesche erano chiuse.  © CdT/Chiara Zocchetti

Non muore il condono parziale per gli affitti commerciali

In primavera le saracinesche erano chiuse.  © CdT/Chiara Zocchetti

In estate il tema sembrava quasi superato, da affrontare in ottica retroattiva, ora l’ombra di un possibile nuovo periodo di confinamento rende la discussione decisamente di nuovo attuale. Parliamo delle pigioni commerciali. Il Consiglio nazionale ha deciso di correre in aiuto di quegli imprenditori che affittano ad esempio bar, saloni o negozi e che hanno dovuto chiudere o limitare fortemente l’attività durante il lockdown della scorsa primavera. Nella prima delle due giornate di sessione straordinaria in corso, la Camera bassa è infatti entrata in materia, anche se per soli 91 voti a 89 e quattro astensioni, sul progetto di legge che prevede un condono parziale di questi inquilini. Più concretamente, il progetto del Consiglio federale - elaborato controvoglia in risposta a delle mozioni...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1