Nuova Zelanda o Svizzera, è battaglia alle sigarette

La politica

Mentre la «nazione dei Maori» annuncia il divieto di vendere prodotti a base di tabacco, la Confederazione si prepara al voto—il 13 febbraio—sull’iniziativa che chiede di togliere le promozioni legate al fumo per proteggere i giovani | VIDEO

Nuova Zelanda o Svizzera, è battaglia alle sigarette
Oltre 9.500 persone muoiono ogni anno, in Svizzera, a causa di malattie provocate dal consumo di tabacco

Nuova Zelanda o Svizzera, è battaglia alle sigarette

Oltre 9.500 persone muoiono ogni anno, in Svizzera, a causa di malattie provocate dal consumo di tabacco

Svizzera e Nuova Zelanda unite contro le sigarette. Su piani diversi, ovviamente. Un paio di giorni fa, il ministro della salute neozelandese, Ayesha Verral, ha annunciato una legge che intende vietare il consumo di tabacco per tutti i nati dopo il 2008. L’idea è limitare i fumatori al 5% della popolazione totale entro il 2025. Con lo scopo finale di arrivare, poi, a zero. L’idea piace molto anche a Bruno Naccini, pneumologo e presidente della Lega polmonare ticinese: «Come medico, me lo auguro di cuore che si arrivi a questo punto pure nella Confederazione. Ma penso che non siamo ancora pronti». Anche Alberto Polli, presidente dell’Associazione svizzera non fumatori (sezione Ticino), saluta positivamente la mossa della «nazione dei Maori»: «Gli intenti sono senz’altro positivi—premette—. Come...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1