Offre droga alla vicina e poi la violenta in lavanderia, condannato

Lucerna

Quattro anni e un mese di prigioni all’autore di uno stupro avvenuto nel 2017 - L’uomo, che nega la versione della donna, dovrà pure sottoporsi a un trattamento psicologico ambulatoriale

Offre droga alla vicina e poi la violenta in lavanderia, condannato
©CdT/Archivio

Offre droga alla vicina e poi la violenta in lavanderia, condannato

©CdT/Archivio

Il tribunale penale di Lucerna ha condannato un uomo di 32 anni a quattro anni e un mese di prigione per aver violentato una donna nel 2017. L’accusato, a cui è stato diagnosticato un disturbo narcisistico, deve anche sottoporsi a un trattamento psicologico ambulatoriale.

La sentenza, pubblicata oggi, prevede una pena leggermente inferiore ai cinque anni richiesti dall’accusa per stupro, tentato stupro e tentate lesioni personali gravi. I giudici hanno pronunciato pure l’espulsione dalla Svizzera per dieci anni, anche se non potrà essere applicata poiché l’uomo è un rifugiato riconosciuto. La difesa aveva chiesto l’assoluzione. Il verdetto non è ancora definitivo.

L’imputato ha negato i fatti. La vittima, una vicina dell’uomo che lavorava come prostituta, lo ha accusato di averla picchiata e violentata nella lavanderia della casa. Ha detto che lui le ha offerto cocaina in cambio di sesso, e quando lei ha rifiutato, l’ha aggredita. L’uomo, a sua volta, ha sostenuto di aver venduto cocaina alla donna. Lei gli avrebbe rubato il cellulare nascondendolo nel reggiseno, lui lo avrebbe ripreso prima di andarsene.

L’imputato è stato anche condannato per aver aggredito un uomo durante una manifestazione curda a Berna e dovrà pagargli 5000 franchi di risarcimento. Gli è stato vietato di contattare la vittima dello stupro e dovrà accollarsi le spese del procedimento, che ammontano a quasi 60.000 franchi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1