Ora il potenziamento del 5G può davvero avanzare

domande e risposte

Da Berna ecco il documento che dovrebbe sbloccare la situazione nei Comuni e nei Cantoni - Il contesto attuale, il contenuto del testo e l’effetto che questo dovrebbe avere sulla costruzione di nuove antenne

Ora il potenziamento del 5G può davvero avanzare
Molte le richieste di costruzione di antenne rimaste in sospeso. ©KEYSTONE/Martial Trezzini

Ora il potenziamento del 5G può davvero avanzare

Molte le richieste di costruzione di antenne rimaste in sospeso. ©KEYSTONE/Martial Trezzini

La rete 5G va potenziata. A Berna questo è chiaro da tempo. In vari Cantoni e Comuni lo sviluppo del 5G incontra delle resistenze. Ora però l’insicurezza che, in taluni casi aveva portato le autorità competenti a negare permessi di installazione delle antenne necessarie a rendere possibile il passaggio alla nuova tecnologia, dovrebbe venire a cadere. Con la pubblicazione dell’«aiuto all’esecuzione per la gestione di antenne adattative», l’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) ha infatti fornito l’ultimo tassello necessario per procedere verso il 5G. «Con questo documento Cantoni e Comuni dispongono ora di una solida base sulla quale calcolare la radiazione delle antenne adattative (o adattive) usate per la tecnologia 5G e quindi anche per concedere i permessi per la loro costruzione», ci spiega...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1