Partecipazione eccezionalmente elevata

Votazioni federali

Quasi il 65% degli elettori si è recato alle urne, è la quarta miglior affluenza dal 1971

Partecipazione eccezionalmente elevata
© KEYSTONE/Peter Schneider

Partecipazione eccezionalmente elevata

© KEYSTONE/Peter Schneider

Le votazioni federali odierne sulla legge COVID-19, l’iniziativa sulle cure infermieristiche e l’iniziativa sulla giustizia, hanno particolarmente mobilitato gli elettori: quasi il 65% di loro ha votato. Si tratta della quarta affluenza più elevata dal 1971, anno in cui le donne hanno ottenuto il diritto di voto.

In testa, come d’abitudine, è arrivata Sciaffusa, dove il voto è obbligatorio: nel cantone si sono espressi circa i tre quarti degli elettori (75,66%). Non da meno sono stati Nidvaldo (75,15%) e Obvaldo (75,37%).

Il cantone meno diligente è stato Ginevra (54,01%). Hanno fatto un po’ meglio, ma sempre sotto al 60% di partecipazione, Neuchâtel (57,93%) e Ticino (59,66%).

Record nel 1992
Il record di mobilitazione è detenuto dallo scrutinio sullo Spazio economico europeo (SEE) del 6 dicembre 1992, che attirò il 78,7% degli aventi diritto di voto, per la maggioranza orientati ad affossare i progetti di integrazioni europea del Consiglio federale e del parlamento.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1