Per il nome del successore di Lauber bisognerà ancora attendere

confederazione

Nessuno dei tre candidati alla guida del Ministero pubblico è riuscito a fare l’unanimità, servirà un terzo tentativo: «Preferiamo continuare a cercare piuttosto che accontentarci senza essere sicuri della scelta», ha spiegato il presidente della commissione e consigliere agli Stati Andrea Caroni

Per il nome del successore di Lauber bisognerà ancora attendere
©KEYSTONE/Peter Klaunzer

Per il nome del successore di Lauber bisognerà ancora attendere

©KEYSTONE/Peter Klaunzer

Il successore di Michael Lauber quale Procuratore generale della Confederazione non è ancora stato trovato. A renderlo noto è stata la Commissione giudiziaria dell’Assemblea federale in un incontro con la stampa a Berna.

Il presidente della commissione, il consigliere agli Stati Andrea Caroni (PLR/AR), ha spiegato ai media che i tre candidati non sono riusciti a fare l’unanimità e il successore di Lauber alla guida del Ministero pubblico della Confederazione (MPC) è quindi ancora ignoto.

«Ci sono state singole simpatie più o meno marcate per uno o per l’altro, ma non si è arrivati a una decisione definitiva», ha detto. «Preferiamo continuare a cercare piuttosto che accontentarci senza essere sicuri della scelta». La persona prescelta avrebbe dovuto essere presentata al giudizio dell’Assemblea federale in marzo, mentre ora il voto decisivo potrà avvenire solo nel corso della Sessione estiva delle Camere federali.

Ad essere ascoltati dalla commissione per il ruolo di Procuratore generale della Confederazione sono stati Maria-Antonella Bino, Lucienne Fauquex e Félix Reinmann. Bino è membro della direzione generale del gruppo Sygnum Bank nonché giudice supplente del Tribunale penale federale di Bellinzona, mentre Fauquex è procuratrice federale e dirige il servizio giuridico dello stesso MPC. Reinmann è invece segretario generale del Dipartimento dello sviluppo economico del canton Ginevra.

Serve un terzo tentativo

I tre candidati rimasti in lizza erano stati resi noti il 10 febbraio scorso. Già il 25 novembre 2020 la commissione aveva deciso di non presentare al Parlamento alcun nome, poiché i due candidati in lizza non erano stati giudicati idonei. «Speriamo che il terzo tentativo sia quello buono», ha detto Caroni.

Nell’attesa di una scelta, le funzioni di procuratore generale della Confederazione sono ricoperte ad interim dai due vice, Ruedi Montanari e Jacques Rayroud. La scelta di un successore a Lauber si è resa necessaria dopo le dimissioni di quest’ultimo, finito nel mirino della critiche per i suoi incontri segreti col presidente della Federazione internazionale di calcio (FIFA) Gianni Infantino.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Nei magazzini della Confederazione 740.000 test PCR scaduti

    coronavirus

    Un anno fa erano stati comprati al costo complessivo di circa 13,7 milioni di franchi - L’esercito, responsabile dell’acquisto per conto dell’UFSP, ha fatto sapere tramite il portavoce Stefan Hofer che un’analisi è in corso per stabilire se i singoli componenti possano ancora essere utilizzati

  • 2

    Randa, quasi trent’anni dalla grande frana

    vallese

    Il 18 aprile 1991 un’intera fetta della montagna si staccò scivolando a valle, senza causare vittime tra la popolazione: a morire furono trentacinque pecore e sette cavalli - «Una densa nuvola di polvere coprì tutto il villaggio, case, giardini e automobili: i bambini dovettero indossare mascherine per andare a scuola», ricorda il sindaco

  • 3

    Pressioni di Chiesa sul PLR per le riaperture

    coronavirus

    In un video diffuso questa mattina su Twitter, il presidente dell’UDC afferma che se i Liberali radicali dovessero continuare a perdere quote di elettori a causa dei «continui patti con la sinistra», il loro secondo seggio in Consiglio federale sarebbe a rischio

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1