Pierre Maudet si dimette

politica

Il consigliere di Stato ginevrino ha annunciato che lascerà l’incarico e si candiderà alla sua stessa successione

Pierre Maudet si dimette
© KEYSTONE/Martial Trezzini

Pierre Maudet si dimette

© KEYSTONE/Martial Trezzini

Il consigliere di Stato ginevrino Pierre Maudet ha comunicato oggi le sue dimissioni dal governo cantonale. La perdita del suo Dipartimento è stata un’umiliazione di troppo. Ha comunque annunciato che si candiderà alla propria successione.

«Disturbo e mi si mette da parte», ha dichiarato Maudet in una conferenza stampa. «Ho ingoiato serpenti, alla fine erano anche dei boa constrictor», ha aggiunto. Ieri, i suoi colleghi di governo lo hanno «brutalmente spogliato delle sue prerogative», ha detto.

Maudet darà le dimissioni la settimana prossima. Un’elezione suppletiva potrebbe svolgersi all’inizio di marzo. Nel frattempo rimarrà in carica e parteciperà alle riunioni del Consiglio di Stato.

A suo avviso, l’esclusione di cui è stato oggetto da parte del governo equivale a un tradimento del voto popolare. «Io sono eletto e un esecutivo non può spogliare uno dei suoi membri delle sue competenze, solo il popolo può farlo». Per questo - ha detto - ha deciso di presentarsi per la propria successione.

«Confinamento politico»

Maudet ha denunciato il trattamento che i suoi colleghi gli hanno riservato, il modo in cui è stato escluso dagli affari. Per lui, «questi momenti di quarantena», il fatto di essere stato messo in «confinamento politico», sono comunque esperienze che potrà mettere al servizio della popolazione.

Il rapporto intermedio presentato ieri sulla gestione delle risorse umane del suo ex dipartimento per lo sviluppo economico, che ha spinto i suoi colleghi dell’esecutivo a ritirargli i suoi dossier, è stato, secondo Maudet, una montatura, «il pretesto per un’esecuzione politica».

Il consigliere di Stato dimissionario ha deplorato il fatto che il suo diritto ad essere ascoltato in questo caso sia stato violato. Ha riconosciuto di aver messo sotto pressione i suoi dipendenti, soprattutto a causa della crisi sanitaria che sta danneggiando l’economia. «Questa intensità di lavoro, l’ho voluta, ho chiesto flessibilità».

Alti funzionari sono stati tolti dalla loro «zona di comfort», hanno dovuto fare delle sostituzioni. La pandemia di Covid-19 ha portato le aziende in grandi difficoltà. Sono fioccate le richieste di esenzioni dall’affitto e i proprietari disperati chiamavano il dipartimento, ha detto Maudet.

«Libero»

«Ora mi sento libero», ha dichiarato il consigliere di Stato al quale è stato chiesto il suo attuale stato d’animo. «Il senso delle istituzioni che mi ha sempre guidato, mi ha anche frenato».

Il consigliere di Stato dimissionario ritiene che alla fine l’esecutivo possa avergli fatto un regalo «spogliandolo» del suo dipartimento. Ora intende difendere il suo progetto economico per Ginevra andando incontro alla popolazione e battersi per «chi soffre» a causa di questa crisi.

Maudet dice di voler «andare a cercare la fiducia della gente di Ginevra con il suo passato, i suoi punti di forza e le sue debolezze ammesse», parlando di quella che potrebbe essere «la sua ultima battaglia». Non intende, in questa fase, creare un proprio partito politico.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1