Più deduzioni fiscali per i figli, ritorna la battaglia sugli sgravi

VOTAZIONE

Voluto da PPD, UDC e PLR, l’aumento della detrazione generale da 6.500 a 10.000 franchi è contestato dalla sinistra - A confronto il deputato popolare-democratico al Nazionale Marco Romano e la consigliera agli Stati socialista Marina Carobbio

Più deduzioni fiscali per i figli, ritorna la battaglia sugli sgravi

Più deduzioni fiscali per i figli, ritorna la battaglia sugli sgravi

L’intervista a Marco Romano, consigliere nazionale PPD e favorevole al progetto.

I referendisti dicono che sono deduzioni per i ricchi. Come replicate? «Falsità! Godranno di una pressione fiscale ridotta il 56% delle famiglie, non mi sembrano poche. I referendisti hanno una visione distorta e ideologizzata. Questa riforma va a beneficio di 900.000 famiglie: quelle che pagano (giustamente) imposte, premi di cassa malati senza sussidi e non beneficiano di alcun aiuto statale. Il ceto medio. Grazie al PPD la riforma è completa. Integra tutti i modelli familiari, sia con un reddito sia con due, famiglie monoparentali comprese, tanto quelle che affidano i figli a un nido quanto chi se ne occupa in prima persona. I costi degli asili nido crescono continuamente e l’odierna deduzione nel quadro dell’imposta...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Giovanni Galli
  • 2 Votazione del 27 settembre '20
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1