logo

Juncker: "La Svizzera deve fare presto"

Il presidente della Commissione UE alla TSR: "Berna si sbrighi a trattare con l'Europa" - E sul nostro cantone: "Continuerò a voler bene ai ticinesi anche se non mi è piaciuto quando hanno votato a destra"

RSI/TSR
 
14
settembre
2018
00:04
Red. Online

BERNA - Jean-Claude Juncker, reduce dalla plenaria di Strasburgo, giovedì, intervistato dalla televisione romanda RTS, ha affermato che la Svizzera deve trovare presto "un'intesa d'insieme" con l'Unione europea perché "il tempo stringe". "Negoziate e concludete con me: entro un anno - ha specificato - non ci sarò più e vedrete". C'è di mezzo anche la Brexit e la difficile trattativa con la Gran Bretagna: "Non vogliamo che i negoziati si accavallino". Ma la Svizzera un giorno potrebbe ancora entrare nell'Unione Europea? "Un tempo - ha proseguito Juncker - credevo di sì, ma non mi faccio più illusioni: gli svizzeri non rinunceranno alla loro sovranità". In conclusione un accenno al Ticino, dove l'alto funzionario europeo è stato spesso in passato: "Continuerò a voler bene ai ticinesi - ha chiosato - anche se non mi è piaciuto quando hanno votato a destra".

Prossimi Articoli

Keller-Sutter e Wicki per il PLR, Amherd e Z'Graggen per il PPD

Ecco i candidati dei due gruppi parlamentari per le successioni di Schneider-Ammann e Doris Leuthard - Ticket rosa per i popolari-democratici

Edizione del 19 novembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top