GRIGIONI

Appaltopoli, conclusa l’indagine

La Commissione parlamentare d’inchiesta ha terminato i lavori sullo scandalo degli appalti truccati - Durante l’estate sarà redatto il rapporto parziale

Appaltopoli, conclusa l’indagine
(Foto archivio CdT)

Appaltopoli, conclusa l’indagine

(Foto archivio CdT)

COIRA - La Commissione parlamentare d’inchiesta (CPI) sul cartello dell’edilizia grigionese ha concluso l’indagine concernente l’intervento di polizia nei confronti di Adam Quadroni, l’imprenditore edile che nel 2018, con le sue rivelazioni, portò alla luce lo scandalo degli appalti truccati.

LA CPI ha iniziato il proprio lavoro un anno fa: l’organo, votato all’unanimità dal Gran Consiglio, è nato il 13 giugno 2018 con lo scopo di indagare sullo scandalo degli appalti truccati nel settore delle costruzioni in Bassa Engadina, scoperti dalla Commissione federale della concorrenza (COMCO). Da allora la CPI si è riunita oltre 40 altre volte e ha svolto circa 80 ore di interrogatori, scrive la commissione stessa in una nota odierna, concludendo le operazioni d’inchiesta relative ad Adam Quadroni.

Durante l’estate sarà redatto il rapporto parziale. In seguito le persone coinvolte avranno la possibilità di prendere posizione. Il rapporto parziale sarà presentato al Gran Consiglio presumibilmente nella sessione di dicembre 2019.

Parallelamente è in corso un’inchiesta sul ruolo di membri del Governo e di collaboratori dell’amministrazione e loro possibili responsabilità in relazione a procedure di aggiudicazione nell’edilizia. Da verificare è anche se la vigilanza interna abbia operato correttamente.

Chi disponesse di indicazioni che potrebbero essere rilevanti per l’attività della CPI, ricorda la commissione, è invitato a mettersi in contatto tramite il sito web www.pukbaukartell.ch.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Politica
  • 1
    Alleanza PLR-PPD

    A Lucerna si pensa alle nozze «bis»

    Un’alleanza fra i due partiti in vista delle elezioni federali è in discussione anche nel cantone germanofono. Per la seconda volta - Il presidente popolare democratico Ineichen: «La storica rivalità è praticamente sparita» - i grandi nemici ora si sostengono in progetti cantonali

  • 2
  • 3
  • 4
    Sordità

    Più valore alla lingua dei segni

    È quanto chiede un postulato presentato a Berna da Marco Romano - Il deputato PPD: «Troppe le differenze tra i Cantoni, inammissibile non ci sia ancora una soluzione a livello federale»

  • 5
    Svizzera

    E se il nido diventasse obbligatorio?

    È un rischio cui rende attenti la consigliera nazionale UDC Verena Herzog a seguito della pressione sociale che c’è oggi sulle famiglie - «Anche la scuola materna all’inizio era solo facoltativa»

  • 1