Applicazione del 9 febbraio, Stojanovic lancia il referendum

L'ex deputato socialista in Gran Consiglio inizia la raccolta firme: "Agisco come cittadino, senza il sostegno di un partito o di comitati"

Applicazione del 9 febbraio, Stojanovic lancia il referendum
Nenad Stojanovic

Applicazione del 9 febbraio, Stojanovic lancia il referendum

Nenad Stojanovic

BERNA - L'ex deputato socialista in Gran Consiglio Nenad Stojanovic, politologo all'Università di Lucerna, ha deciso di lanciare il referendum contro la legge d'applicazione dell'iniziativa popolare del 9 febbraio, appena votata dalle Camere. A darne notizia è stato lui stesso, ieri tramite Twitter. Al breve messaggio è allegata anche una copia del formulario per la raccolta delle firme. Stojanovic dice di agire come cittadino, senza il sostegno di un partito o di comitati. L'UDC aveva già detto prima delle votazioni finali a Berna che non avrebbe promosso il referendum, perché anche in caso di successo tutto sarebbe tornato alla casella di partenza e l'attuazione dell'iniziativa sarebbe dovuta riprendere da zero.

L'ex parlamentare ticinese, interpellato sul portale del «Tages Anzeiger», ha spiegato le ragioni della sua decisione: «Anche quei parlamentari che erano favorevoli alla legge dicono apertamente che l'iniziativa non è stata affatto applicata». Discussioni avute con politici e altre persone, gli hanno fatto capire che una votazione è auspicabile. In una democrazia diretta, ha aggiunto, è problematico se una decisione popolare non trova riscontro in una legge. Nel tweet, l'ex-deputato scrive in inglese «Let the people decide!» (lasciate che il popolo decida).

La domanda è stata depositata ieri. Il termine per la raccolta delle 50 mila firme necessarie scade il 7 aprile 2017. In caso di riuscita l'oggetto potrebbe essere messo in votazione già nel mese di maggio. Ma Stojanovic non è l'unico ad essersi attivato sul tema. L'Azione per una Svizzera neutrale e indipendente ha già annunciato che intende lanciare un'iniziativa popolare per abolire la libera circolazione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1