Basta tentennamenti col trattato sulla proibizione delle armi nucleari

Lo ha ribadito oggi per 16 voti a 6 la Commissione della politica estera del Consiglio nazionale

Basta tentennamenti col trattato sulla proibizione delle armi nucleari
L'aula del Consiglio nazionale.

Basta tentennamenti col trattato sulla proibizione delle armi nucleari

L'aula del Consiglio nazionale.

BERNA - Basta tentennamenti, la Svizzera deve firmare e ratificare senza indugio il trattato sulla proibizione delle armi nucleari (TPNW). Lo ha ribadito oggi per 16 voti a 6 la Commissione della politica estera del Consiglio nazionale (CPE-N), che critica la posizione attendista del Consiglio federale. Quest'ultimo, il 15 di agosto scorso, aveva annunciato di non volere, per il momento, firmare il TPNW negoziato in seno all'ONU nel 2017. Il governo aveva assicurato però che avrebbe continuato ad impegnarsi per il disarmo.

Ritenendo che l'adesione della Svizzera possa essere giustificata da ragioni umanitarie, di diritto internazionale e di politica di pace, l'esecutivo è del parere che, nel contesto internazionale attuale, il trattato rischi di mettere a repentaglio la prosecuzione della diplomazia in materia di disarmo e gli interessi di politica di sicurezza della Svizzera.

Il TPNW sancisce, per la prima volta, un divieto totale ed esplicito delle armi nucleari ispirato dal diritto internazionale. Proibisce di usarle, di minacciarne l'uso, di produrle, stoccarle, acquistarle, detenerle, stazionarle, trasferirle e testarle.

Per la CPE-N, precisa una nota odierna dei servizi parlamentari, l'adesione della Svizzera al TPNW si giustificata "da evidenti ragioni umanitarie, di diritto internazionale e di politica di pace". La maggioranza della Commissione precisa tuttavia che con questa sua decisione non "intende stigmatizzare né i detentori di armi nucleari, né gli Stati alleati alle potenze nucleari". Per una minoranza, invece, il principio della neutralità sancito dalla Costituzione esclude una ratifica del trattato.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 2
    Berna

    Un detective per il ricatto a Berset

    Un investigatore federale speciale dovrebbe indagare su una possibile violazione del segreto d’ufficio nel caso di un tentativo di estorsione contro il consigliere federale

  • 3
    Pandemia

    Test COVID a pagamento: sarà battaglia in Parlamento

    Il PLR accoglie favorevolmente l’annuncio del Consiglio federale di volersi attenere alla sua decisione di rendere i test a pagamento dal primo ottobre per le persone asintomatiche, ma Verdi, Alleanza del Centro, UDC e Verdi liberali non ci stanno

  • 4
    SVIZZERA

    Sì alla politica climatica, ma niente tasse sulla benzina

    La Svizzera dovrà dimezzare entro il 2030 le emissioni di gas serra – Per il Consiglio federale sono stati proprio i balzelli a far pendere l’ago della bilancia nella votazione del 13 giugno – No a nuove tasse, sì a incentivi

  • 5
    Berna-bruxelles

    Orizzonte Europa, servono misure transitorie

    Lo status elvetico permette ai ricercatori operanti nel Paese di partecipare alla maggior parte dei progetti del programma di ricerca UE, ma preclude loro l’accesso ad alcuni di essi – Nessun negoziato all’orizzonte

  • 1