Costi ribaltabili sugli inquilini, è ancora scontro

Risanamento di edifici

Uno studio divide locatari e proprietari – I primi chiedono di pagare meno, i secondi sono per l’attuale forfait

Costi ribaltabili sugli inquilini, è ancora scontro
© CdT/Archivio

Costi ribaltabili sugli inquilini, è ancora scontro

© CdT/Archivio

Quando si effettua un intervento di rinnovo importante in uno stabile d’abitazione, quale percentuale dei costi va ribaltata sugli inquilini? La domanda torna d’attualità, soprattutto in questo periodo in cui per raggiungere gli obiettivi di politica energetica e di protezione del clima si rendono necessari investimenti di una certa portata.

Da ormai quasi cinquant’anni, per i rinnovi importanti si adotta una semplice regola di calcolo: le migliorie ribaltabili sugli inquilini sotto forma di aumento delle pigioni corrispondono al 50%-70% dei costi. Questo forfait, definito tramite un’ordinanza, è stato oggetto di discussioni e causa di vertenze giudiziarie tra inquilini e proprietari.

Le tensioni sono destinate a riproporsi alla luce di uno studio commissionato alla Scuola universitaria di...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 1