Canton Uri

«Doppio Pukelsheim» per 4 comuni urani

L‘introduzione del sistema viene considerato più equo per il conteggio dei voti

«Doppio Pukelsheim» per 4 comuni urani
(Foto archivio CdT)

«Doppio Pukelsheim» per 4 comuni urani

(Foto archivio CdT)

ALTDOTF - Gli urani hanno approvato oggi una riforma del sistema per l’elezione dei 64 deputati del parlamento cantonale. In futuro nei quattro maggiori comuni (Altdorf, Bürglen, Erstfeld e Schattdorf) si voterà con il sistema proporzionale denominato «doppio Pukelsheim», giudicato più equo per i piccoli partiti, mentre altri quattro comuni passeranno dal proporzionale al maggioritario. Nel canton Uri gli otto comuni più popolosi eleggevano finora i loro rappresentanti nel Gran Consiglio con il sistema proporzionale, i piccoli con il maggioritario. Il Consiglio di Stato proponeva di continuare ad applicare il sistema proporzionale come finora ai comuni con diritto a tre o più seggi nel parlamento cantonale. Quest’ultimo ha tuttavia deciso di limitarlo ai soli quattro comuni di Altdorf, Bürglen, Erstfeld e Schattdorf, che hanno diritto a cinque o più seggi. Una modifica che richiedeva un cambiamento della Costituzione, ora approvata dal 57,49% dei votanti.

L’introduzione in questi grossi comuni del «doppio Pukelsheim» (dal nome del matematico tedesco che lo ha concepito), considerato più equo per il conteggio dei voti, è stata invece approvata con il 68% dei voti, con una partecipazione del 37%. Il cambiamento fa seguito a una sentenza del Tribunale federale che nel 2016 aveva giudicato incostituzionale l’attuale sistema. Ilg nuovo regime entrerà in vigore per le prossime elezioni in programma nel 2020. Il «doppio Pukelsheim» è già stato introdotto negli ultimi anni con successo nei cantoni Zurigo, Argovia, Nidvaldo, Zugo, Svitto e Vallese. I comuni di Attinghausen, Flüelen, Seedorf e Silenen d’ora in poi non eleggeranno più i loro deputati con il proporzionale, ma con il maggioritario. I comuni urani con tale sistema saranno così 16. Le remore della sinistra, secondo la quale ciò diminuisce le chance per i piccoli partiti, non sono state ascoltate. Il Tribunale federale, nella sentenza del 12 ottobre 2016, aveva ammesso esplicitamente il sistema misto proporzionale-maggioritario. Resta da vedere se accetterà l’estensione del maggioritario nel caso di un eventuale ricorso.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Politica
  • 1