alle urne

Ginevra, sì al progetto della sinistra e dell’MCG per la cassa pensione dello Stato

I ginevrini hanno accettato oggi con il 52,87% dei voti la riforma della sinistra e del Mouvement citoyens genevois

Ginevra, sì al progetto della sinistra e dell’MCG per la cassa pensione dello Stato

Ginevra, sì al progetto della sinistra e dell’MCG per la cassa pensione dello Stato

GINEVRA - I ginevrini hanno accettato oggi con il 52,87% dei voti la riforma proposta dalla sinistra e dall’MCG per ricapitalizzare la Cassa di previdenza dello Stato (CPEG). Il progetto, che mantiene il primato delle prestazioni, era in concorrenza con la soluzione del governo sostenuta dai partiti di destra.

Le due opzioni sono state entrambe accettate: quella della sinistra e del Mouvement citoyens genevois (MCG) dal 52,83% dei votanti, quella del governo al 52,64%. La domanda sussidiaria ha deciso in favore della prima.

La CPEG, che conta 48’000 affiliati ed è attualmente sottocapitalizzata, va risanata per rispondere alle esigenze legali federali. Fatto curioso, i due testi di revisione di legge, seppure di segno opposto, hanno trovato maggioranze in parlamento e sono stati entrambi contestati con un referendum.

La principale differenza tra le due soluzioni era che il progetto del governo voleva passare a un sistema di primato dei contributi, mentre quella della sinistra mantiene il primato delle prestazioni in vigore oggi. La soluzione difesa dal governo modificava pure la ripartizione dei contributi tra datore di lavoro e dipendente. Oggi i due terzi dei contributi sono a carico dello Stato. Il governo avrebbe voluto diminuire la quota al 58%.

Per tutti - a destra come a sinistra - era indispensabile che una delle due opzioni fosse accettata oggi dai ginevrini, al fine di evitare il peggio. Un doppio no avrebbe infatti condotto a una diminuzione delle rendite di circa il 10% nel gennaio 2020. La cassa avrebbe anche potuto perdere la sua autorizzazione a funzionare in capitalizzazione parziale, obbligando Lo Stato ad azionare la propria garanzia.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Politica
  • 1