ASSEMBLEA ANNUALE

I giovani socialisti dicono no alla riforma fiscale e sì alla legge sulle armi

Sono le raccomandazioni di voto formulate dal partito, riunito a Berna, in vista dell’appuntamento alle urne del prossimo 19 maggio

I giovani socialisti dicono no alla riforma fiscale e sì alla legge sulle armi
(Foto Keystone)

I giovani socialisti dicono no alla riforma fiscale e sì alla legge sulle armi

(Foto Keystone)

BERNA - “No” al progetto di riforma fiscale e finanziamento dell’AVS (RFFA) e “sì” al decreto federale che traspone nella legislazione elvetica il nuovo diritto europeo sulle armi. Sono le raccomandazioni di voto formulate oggi dalla Gioventù socialista, riunita in assemblea annuale a Berna, in vista dell’appuntamento alle urne del prossimo 19 maggio.

Le decisioni sono state prese all’unanimità. Assieme a Verdi, Sindacato dei servizi pubblici e sociosanitari (VPOD/SSP) e altri gruppi di sinistra, la Gioventù socialista è stata all’origine del referendum contro il progetto RFFA, frutto di un compromesso elaborato da un’alleanza tra PLR, PPD e PS in parlamento. I contrari al progetto criticano la riduzione della tassazione degli utili aziendali.

La formazione politica ha invece appoggiato l’inasprimento della legge sulle armi. L’UE ha rivisto la legislazione nei suoi Stati membri in seguito agli attentati di Parigi del novembre 2015. La Svizzera, in quanto associata allo spazio Schengen, ha ripreso le normative con una decisione del parlamento dello scorso settembre. L’UDC e varie associazioni di tiro hanno lanciato con successo un referendum.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1
    Obesità

    Un semaforo che salva la vita

    Una mozione parlamentare chiede l’introduzione in Svizzera del sistema di etichettatura «Nutri-Score», un logo che indica ai consumatori se gli alimenti che stanno per acquistare favorisce la salute e la linea - L’autore dell’atto, Manuel Tornare: «Stiamo avvelenando la popolazione»

  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
    Fisco

    «Basta col parcheggio di soldi»

    Cattaneo: la liquidità dell’imposta preventiva va lasciata a risparmiatori e imprese - Un’iniziativa per semplificare il sistema e evitare la trattenuta sui redditi dei capitali

  • 1