Il Consiglio federale «costernato per l’attacco di matrice islamica a Lugano»

berna

Lo ha dichiarato oggi il portavoce dell’esecutivo, André Simonazzi, durante il consueto incontro coi media al termine della seduta governativa

Il Consiglio federale «costernato per l’attacco di matrice islamica a Lugano»

Il Consiglio federale «costernato per l’attacco di matrice islamica a Lugano»

Il Consiglio federale è costernato per l’attacco di matrice islamica a Lugano ed esprime al Ticino tutto il proprio sostegno. Lo ha dichiarato oggi il portavoce dell’esecutivo, André Simonazzi, durante il consueto incontro coi media al termine della seduta governativa.

Simonazzi ha aggiunto che l’esecutivo si augura un pronto ristabilimento delle persone ferite da una donna. Quest’ultima, secondo le autorità, soffrirebbe di disturbi psichici; nel recente passato è finita nel mirino delle autorità per aver voluto raggiungere un combattente islamico attivo in Siria.

Già ieri in serata, la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga ha contattato il presidente del governo ticinese per esprimergli solidarietà e sostegno, ha poi aggiunto Simonazzi, secondo cui l’Esecutivo è stato informato anche dell’apertura di un’inchiesta da parte del Ministero pubblico della Confederazione.

Ricatto a Berset «un fatto privato»

Presente davanti ai media per presentare la riforma delle pensioni, il consigliere federale Alain Berset ne ha approfittato per prendere posizione, per la prima volta pubblicamente, sul tentativo di ricatto cui è stato vittima nell’inverno 2019. Il «ministro» friburghese ha spiegato che si tratta di una faccenda privata e che il caso è chiuso con la sentenza passata in giudicato. Al momento dei fatti, aveva informato il presidente della Confederazione dell’epoca e la ministra di giustizia e polizia, Karin Keller-Sutter sul fatto che avesse denunciato il tentativo di ricatto.

Berset ha insistito inoltre sul fatto che la vicenda - che a suo dire non ha influito sul suo lavoro di ministro - è da considerasi privata e che anche i Consiglieri federali hanno il diritto a che questo principio venga rispettato.

Nel corso della seduta odierna del Consiglio federale, rispondendo a una domanda precisa, Alain Berset ha poi affermato che si è discusso anche della situazione attuale in relazione alla pandemia e all’apertura degli impianti di risalita in vista della stagione invernale alle porte. Su questo aspetto, Confederazione e Cantoni devono cooperare tenendo conto di quanto avviene all’estero, dove la situazione non è sempre paragonabile a quella elvetica.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 1